The news is by your side.

Sicurezza A24 e A25, Migliorino: serve un piano di monitoraggio per scongiurare un’altra Genova

Il dirigente propone la creazione di soglie di emergenza per la sicurezza dei viadotti

L’Aquila. “Serve un piano di monitoraggio per scongiurare un’altra Genova. Le autostrade saranno sicure quando ci saranno le soglie di allerta e verranno eseguite tutte le ulteriori verifiche, con esito positivo, richieste dal ministero alla concessionaria”. Così il dirigente del ministero per Infrastrutture e Trasporti Placido Migliorino, a margine della seduta straordinaria del Consiglio comunale dell’Aquila dal titolo “Criticità strutturali viadotti autostrade A24 e A25”.

Migliorino è il firmatario della relazione che, nelle scorse settimane, ha lanciato l’allarme sicurezza in 87 dei 339 viadotti delle due autostrade di Lazio e Abruzzo, smentito categoricamente dalla concessionaria, Strada dei Parchi Spa. “A seguito dell’istruttoria sulla sicurezza dei viadotti da parte del ministero, sono stati individuati tutta una serie di interventi di mitigazione per consentire il transito in condizioni di sicurezza”.

“Primo di questi interventi”, dichiara Migliorino, “la regolamentazione del traffico attuata dalla società concessionaria il 26 ottobre scorso, ce ne sono altri, però la cosa più importante è sicuramente l’attività di monitoraggio, la conseguente creazione delle soglie di emergenza e lo stato di conoscenza generale dell’infrastruttura”, continua il dirigente secondo il quale “questo tipo di intervento ancora non è stato fatto perché la società concessionaria sta studiando per proporci eventuali soluzioni”. “Strada dei Parchi ha proposto di effettuare due prove di carico su due viadotti, uno nel territorio aquilano e l’alto nel territorio teramano, stiamo valutando l’opportunità di eseguirli in zone dove si ha un minor impatto sul traffico”.

“Per la messa in sicurezza dei viadotti abbiamo inserito i 192 milioni di euro nel decreto Genova e presto verranno firmati i decreti”, afferma Placido Migliorino, a proposito dei fondi per la messa in sicurezza antisismica dei viadotti delle autostrade A24 e A25 inseriti nel decreto Genova approvato nei giorni giorni scorsi, ma non ancora disponibili, come denunciato più volte da Strada dei Parchi Spa, concessionaria delle due arterie.

In merito all’esigenza del monitoraggio per assicurare sicurezza allo stato attuale, Migliorino precisa che ciò “vuol dire installare degli estensimetri, dei flessimetri, dei sensori che misurano lo stato deformativo al transito di veicoli ordinari e confrontare i valori misurati con le previsioni progettuali. Quindi nessun impatto se non quello iniziale sulla circolazione. Poi se durante l’esercizio si dovesse raggiungere o superare le soglie di allerta, questo ci consentirebbe di intervenire anche eventualmente con il blocco della circolazione su quei viadotti”.

Potrebbe piacerti anche