The news is by your side.

Gioco d’azzardo: il M5S porta a Pescara “Game Over”, evento per discutere le problematiche legate alla ludopatia

Pescara. Appuntamento domani 21 novembre nella Sala consiliare del Comune di Pescara (ore 21) per la prima tappa dell’evento itinerante Game Over – Se vuoi vincere lascia perdere, promosso dal M5S Abruzzo per affrontare il delicato tema del gioco d’azzardo.

Quella contro la ludopatia è una battaglia che il M5S porta avanti da anni in ogni grado istituzionale. Il decreto dignità è l’ultima azione in termini temporali che ha segnato una fitta attività politica partita da Parlamento e Regioni, fino ad arrivare al più piccolo dei comuni.

“Il ludopatico  potrebbe essere chiunque” spiegano gli organizzatori “Tuo figlio, un tuo genitore, l’amore della tua vita, un amico, un datore di lavoro o un dipendente.  E molto probabilmente non sapresti neanche riconoscerlo. Il gioco d’azzardo patologico è un male dei nostri tempi in continua crescita. Lo scopo di GAME OVER – SE VUOI VINCERE LASCIA PERDERE è quello di fare un focus sulla situazione abruzzese in termini di gioco d’azzardo, ascoltare testimonianze dirette e analizzare il ruolo delle istituzioni in questo allarmante scenario.

Ne parleremo con  Sara Marcozzi, consigliere regionale e candidato presidente del M5S per la Regione Abruzzo, Primo Di Nicola, Senatore del M5S, Domenico Pettinari, consigliere regionale M5S e vice presidente della commissione sanità in Regione Abruzzo, Massimiliano Di Pillo, consigliere comunale Pescara.

Ad arricchire il dibattito le esperienze di Rino Ferrigno, counselor nel settore delle dipendenze ed ex giocatore d’azzardo e Giuliano Pace, medico chirurgo specialista in psichiatra, che racconteranno esperienze e verità inedite per chi non vive in prima persona questa subdola dipendenza.  I dati analizzati sono frutto di uno studio del M5S Pescara con la collaborazione del M5S Chieti e saranno presentati dal Dott. Mario Pellicciotta, dall’Avv. Raffaella Di Giovanni e dall’Ing. Gianni Smarrelli.

Potrebbe piacerti anche