The news is by your side.

Il bilancio del comune di Pescara, le cifre che attestano la solidità dei conti e la capacità di programmare

Manutenzione delle strade, verde e lavori pubblici in pole position

Pescara. E’ un bilancio vitale quello presentato oggi dall’amministrazione comunale: il documento approvato in giunta è pronto ad approdare all’esame del consiglio comunale i primi di dicembre.

Anticipazioni contenute nel documento programmatico sono state rese in conferenza dal sindaco Marco Alessandrini, dall’assessore al bilancio Marco Presutti, dal dirigente del settore ragioneria e dal direttore generale Guido Dezio, a capo del dipartimento amministrativo. Presenti anche il vicesindaco Antonio Blasioli e il consigliere comunale Emilio Longhi. 

 

“Il bilancio va avanti lungo un determinato percorso di risanamento dei conti cittadini – così il sindaco Alessandrini – grazie al lavoro svolto con gli uffici, questo comune ora ha solidità finanziaria. Il documento che portiamo all’approvazione del consiglio è un atto concreto che vale a ricordare sempre la lezione che una casa si costruisce dalle fondamenta ed è solida se queste lo sono. Pescara oggi ha capacità di investimento e di programmazione e ne siamo lieti e orgogliosi perché è un lavoro a vantaggio della comunità”. 

 

L’obiettivo è approvare il bilancio entro il 31 dicembre, in modo che l’anno nuovo inizi con lo strumento nella sua piena operatività. 

 

Il dato più importante è quello degli investimenti a totale vantaggio della città, perché espressi attraverso la manutenzione delle strade, il verde e i lavori pubblici per un importo pari a 16.625.580 euro. 

 

Continua il cammino virtuoso dell’ente, i cui primi passi nella procedura di riequilibrio economico e finanziario sono stati volti al pagamento dei debiti. Dal 2014 a oggi i tempi di attesa per i fornitori del comune sono considerevolmente diminuiti, dando così sempre maggiore respiro a imprese, lavoratori e famiglie.

 

Malgrado il municipio di Pescara non possa attingere alla cassa depositi e prestiti, è riuscito ad avere performance importanti sul fronte lavori pubblici: al 31 dicembre 2017 ha previsto 29 milioni di impegni di investimento, spendendone 14; quest’anno, sono 16 milioni come impegno e come pagamenti effettivi.

 

L’Ente avrebbe potuto dedicare tali risparmi all’aumento della spesa corrente, ma ha invece deciso di stornare le cifre citate a vantaggio della città, aggiungendole agli investimenti, la maggior parte dei quali sono nati da istanze dei cittadini e sono stati condivisi con la comunità stessa: quindi manutenzione strade, manutenzione e tutela del verde pubblico e opere pubbliche.

 

Nel 2014 la città era ferma e sull’orlo dell’abisso economico, oggi è tornata a programmare, senza debiti e senza dimenticare le fasce più sensibili della sua popolazione e le aree più provate del suo territorio. 

 

“A Pescara è stato compiuto un lavoro straordinario negli ultimi quattro anni – così il direttore generale Guido Dezio – al momento importanti comuni come Napoli (in predissesto) e Catania (in dissesto) hanno pesanti problemi economici e il nostro lavoro ha fatto scuola, è stato preso come esempio, in quanto capace di rimettere nella giusta rotta la città. L’indebitamento nel 2019 sarà pari al 100% delle entrate correnti e nel 2020 il rapporto debito entrate correnti sarà abbondantemente sotto il 100%. 

Potrebbe piacerti anche