The news is by your side.

Violenza sulle donne: in crescita chiamate al centro Ananke. In un anno circa 1000 richieste d’aiuto

Pescara. Novecentosessantatrè chiamate, 183 donne seguite, di cui 138 nuove prese in carico. Sono i numeri, in crescita, riferiti al periodo novembre 2017 – ottobre 2018, registrati dal centro antiviolenza Ananke di Pescara, che li ha diffusi alla vigilia della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il prossimo 25 novembre.

Le donne arrivano al centro antiviolenza su indicazione di amici e parenti (30,4%); il 25% circa arriva su invio da parte degli altri nodi di rete, come servizi sociali, forze dell’ordine o servizi sanitari. Registrato, inoltre, un aumento di giovani donne, su invio da parte di scuole, accolte allo sportello dedicato alle adolescenti.

Punto di riferimento anche il 1522, numero nazionale antiviolenza e stalking attivo 24 ore su 24. Delle 138 donne prese in carico, 112 sono italiane – non solo di Pescara e provincia, ma anche provenienti da altre regioni – e 26 straniere. I dati indicano che “la violenza rimane un fenomeno trasversale rispetto a classe sociale, età, livello culturale”.

Del totale, 39 donne hanno età compresa tra i 40 e i 49 anni, 33 tra i 30 e i 39, 29 tra i 50 e i 59, 19 tra i 18 e i 29 anni, 10 oltre i 60 e 3 tra i 14 e i 17 anni. In 121 casi all’origine della richiesta ci sono violenze psicologiche, in 104 casi violenze fisiche, in 57 violenza economica, in 28 stalking e in 22 violenza sessuale. In 69 casi l’autore delle violenze è il partner attuale, in 44 l’ex partner, in 11 un familiare, in 10 un conoscente e in 3 uno sconosciuto.

I dati sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa a Pescara. Presenti, tra gli altri, la presidente di Ananke, Doriana Gagliardone, l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Pescara, Antonella Allegrino, e referenti della rete antiviolenza. Nel corso dell’incontro sono state annunciate anche le iniziative previste in vista del 25 novembre.

La campagna prenderà il via domani e si concluderà domenica con un evento in piazza Sacro Cuore a Pescara. Previsti, tra l’altro, la consegna di sacchetti di pane per mostrare vicinanza alle vittime, perché “per troppe donne la violenza è ancora pane quotidiano”, e il lancio di palloncini con i nomi di donne vittime di femminicidio.

Potrebbe piacerti anche