The news is by your side.

Ricostruzione dell’Aquila, Vacca e Crimi: incarico ad interim per gli uffici speciali a Francesco Lucarelli

Pescara. Incarico ad interim per gli uffici speciali per la Ricostruzione dell’Aquila e dei comuni del cratere sismico del terremoto del 6 aprile 2009 affidato a Giovanni Francesco Lucarelli. Lo annunciano i sottosegretari Vito Crimi e Gianluca Vacca sottolineando che “questo Governo è al lavoro per la Ricostruzione”. Ieri il grido d’allarme da parte della Regione Abruzzo che ha parlato di un post-sisma dimenticato.

“In attesa della definizione delle procedure previste dalla legge, per la nomina dei vertici degli Uffici Speciali per la ricostruzione per L’Aquila e per i comuni del cratere, oggi”, affermano in una nota Crimi e Vacca, “è stato firmato il decreto di conferimento dell’incarico ad interim al dirigente, attualmente in servizio presso l’Ufficio Speciale per Ricostruzione per L’Aquila. dott. Giovanni Francesco Lucarelli”.

“Il Governo è stato costantemente al lavoro per garantire la massima operatività per la Ricostruzione. Al di là delle polemiche strumentali di chi urlava al disastro, questo Governo”, concludono i due pentastellati, “ha operato fin da subito per affrontare la situazione e trovare la migliore soluzione praticabile a legislazione vigente”.

“Apprezzo il fatto che con tempestività il sottosegretario Crimi ha risposto ad un problema che ieri sul tavolo delle istituzioni avevamo posto con forza e che attendeva da tempo una soluzione. Se il nuovo dirigente ha il potere di firma, da subito, senza dover attendere la bollinatura, vuol dire che questo problema, non da poco, è stato risolto. Restano altre questioni aperte, mi auguro di poter trovare la stessa disponibilità e sollecitudine che c’è stata in questa vicenda”. Dichiara così all’ANSA, il presidente vicario della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, in merito al decreto di nomina ad interim per gli uffici speciali per la Ricostruzione dell’Aquila e dei comuni del cratere sismico del terremoto del 6 aprile 2009 di Giovanni Francesco Lucarelli.

Potrebbe piacerti anche