The news is by your side.

Nasce a Pescara il Taxi Clown: accompagnerà i bimbi a fare terapie ospedaliere

Pescara. Regalare sorrisi e allegria ai piccoli pazienti dell’ospedale e ai loro genitori e condurli alle cure di cui hanno bisogno a bordo di un taxi colorato e divertente. Arriva a Pescara il servizio ‘Taxi Clown’, promosso nell’ambito del progetto “Un Ospedale a Colori”, realizzato in coprogettazione nel Piano Sociale d’ambito distrettuale Ecad 15 – CComune di Pescara, dall’associazione WillClown Pescara, che ne è capofila, dall’associazione Genitori Pescara e dal partner privato Cerri Giocattoli.

Il progetto, in partenza a gennaio, prevede che due clown dottori si rechino a casa dei bambini per accompagnarli in ospedale, insieme ai familiari, a bordo del Taxi Clown. Il viaggio verso l’ospedale verrà rasserenato dalla compagnia dei volontari e dall’uso di giochi e pupazzi.

Lanciata, tra l’altro, una raccolta fondi per sostenere il progetto.I primi a contribuire sono stati l’agenzia di comunicazione Invicto e il doppiatore pescarese Roberto Pedicini, voce di Jim Carrey, Javier Bardem e dei più celebri cartoon Disney e Warner Bros: insieme hanno realizzato un video, diffuso sul web per promuovere il servizio e la raccolta benefica.

Il progetto ‘Un ospedale a colori’ consiste in laboratori ludico espressivi, feste, un sportello di sostegno psicologico ai genitori e molte altre attività finalizzate a rendere l’ atmosfera dell’ospedale meno pesante.

In Comune, la presentazione dell’iniziativa e il resoconto delle attività svolte fino ad oggi nell’ambito del progetto, alla presenza dell’assessore alle Politiche sociali, Antonella Allegrino, la coordinatore e la vicepresidente di WillClown, Valeria Pellicciaro e Antonella Consilvio, la coordinatrice del progetto Monica Ventura, la presidente dell’Age, Manuela Francini, e Maria Rita Di Giambattista, assistente sociale area minori del Comune, oltre a numerosi volontari. “Attraverso i giochi dei clown dottori, vivono meglio il rapporto con i medici e il personale infermieristico e affrontano le cure con più fiducia”, dice Allegrino.

Foto: Abr24

Potrebbe piacerti anche