The news is by your side.

Violenza in famiglia, giovane stava per essere rimesso in libertà ma doveva scontare un residuo di pena

Penne. Già arrestato nel novembre del 2017, a conclusione di accurate indagini svolte dai carabinieri, per i reati di maltrattamento contro familiari, atti persecutori, lesioni personali e violenza privata, era stato condannato prima alla misura cautelare in carcere, pena poi sostituita con gli arresti domiciliari a Penne, dove era residente.

T. R., 31enne, stava per essere rimesso in libertà ma doveva scontare ancora 3 anni e 6 mesi di reclusione. I militari della Compagnia Carabinieri di Penne, il  3 gennaio 2019, data prevista per la remissione in libertà, sono intervenuti e hanno dato esecuzione, su disposizione dell’Ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Rimini, ad un ordine di esecuzione pene concorrenti e pertanto T.R. è stato di nuovamente trattenuto agli arresti domiciliari fino all’espiazione completa della pena attribuita per i reati commessi.           

  

Potrebbe piacerti anche