The news is by your side.

Tragedia di Rigopiano, il comitato dei parenti ricorda le vittime: quest’anno tendiamo le mani al nuovo governo

"La tragedia ha segnato una delle pagine più scure della vita del nostro paese"

Pescara. Il 18 gennaio prossimo si terrà la cerimonia per ricordare le 29 vittime della valanga che travolse il resort di Rigopiano. E il comitato dei parenti delle vittime, a differenza dello scorso anno, porge un invito a partecipare ai governi nazionale e regionale. Questo il messaggio del Comitato Parenti Vittime Rigopiano.

“Ci apprestiamo a vivere il secondo anniversario della nostra tragedia”, spiega in un messaggio il Comitato Parenti Vittime di Rigopiano,  “la tragedia di Rigopiano che ha segnato una delle pagine più scure della vita del nostro paese. Il nostro stato d’animo, quello di madri, padri, figli, fratelli e sorelle e’ rimasto sempre lo stesso da quel maledetto giorno. Uno stato d’animo oggi a distanza di due anni ancora più carico di sentimenti forti”.

“L’anno scorso eravamo agli albori della vicenda penale”, continuano nel messaggio, “ancora frastornati dal dolore e ignari su ciò che avremmo pian piano scoperto. Oggi sappiamo molto di più e sopratutto chi ha sbagliato e nonostante le garanzie del diritto vigente e della presunzione di innocenza sino al terzo grado di giudizio, le nostre supposizioni di allora si stanno alla luce degli ultimi accadimenti giudiziari, trasformando piano piano in certezze”.

“Lo scorso anno non abbiamo voluto per scelta”, concludono, “la presenza dello stato sia nazionale che regionale perché lo ritenevamo responsabile di quanto accaduto o meglio omissivo in alcune responsabilità. Quest’anno abbiamo voluto invece tendere la mano all’attuale governo affinché si renda conto di persona del dolore che intere famiglie vivono da quel giorno , affinché si impegnino come promesso a darci la forza sia morale nonché materiale di poter combattere ad armi pari contro chi ha sbagliato e ha contribuito a far si che ogni anno da quel giorno ci sia una giornata del ricordo della commemorazione e della condivisione così come sarà il prossimo 18 gennaio”.

Potrebbe piacerti anche