The news is by your side.

Scoperte su Marte tracce di 24 laghi antichissimi, tra i gruppi di ricerca anche la D’Annunzio di Pescara

Pescara. Scoperte su Marte le tracce di 24 laghi antichissimi: risalgono a circa tre miliardi di anni fa, quando il pianeta era ricco di acqua, e almeno cinque di essi hanno una composizione di minerali tale da poter ospitare forme di vita. Dopo tante ipotesi, a raccogliere la prima prova diretta dei laghi di Marte è la ricerca coordinata dall’italiano Francesco Salese, ora nell’università olandese di Utrecht.

Pubblicata sul Journal of Geophysical Research-Planets, la ricerca è stata condotta in collaborazione con il gruppo di Gian Gabriele Ori, dell’Università “Gabriele D’Annunzio” di Pescara. Dopo la scoperta del lago salato sotterraneo vicino al Polo Sud di Marte, nell’estate 2018,i nuovi dati indicano che anche l’emisfero Nord del pianeta è stato ricco di acqua.

“Finora più modelli avevano ipotizzato la presenza di acqua nascosta nel sottosuolo marziano, ma adesso ne abbiamo la prima evidenza geologica”, ha detto Salese all’ANSA, “i dati arrivano dai satelliti Mars Express dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Mars Reconnaissance Orbiter (Mro) della Nasa”.

(foto: Ansa)
Potrebbe piacerti anche