The news is by your side.

Riqualificazione riviera sud, Blasioli: niente interferenze con stagione balneare, altrimenti sospensione lavori

Pescara. “Riguardo alla riqualificazione della riviera sud, le preoccupazioni sollevate dalla Sib Confcommercio sono le nostre stesse preoccupazioni. Perché migliorare quel tratto di riviera, da tempo immemore lasciato in abbandono, risponde esattamente alla volontà di migliorare turismo, accoglienza e vitalità di quella zona della nostra città, gli interventi nascono per questo.

E consci di tale obiettivo imminente, possiamo tranquillizzare l’associazione sul fatto che non c’è proprio bisogno di fermare i lavori, arrestando così o, peggio, ritardando oltre la riqualificazione, sia perché i lavori termineranno prima della stagione balneare, sia perché questa Amministrazione ha già dimostrato con il primo lotto di interventi che le attività più invasive si possono sospendere in concomitanza con l’estate.

Quanto ai tempi. Sono 69 i giorni necessari per completare la riqualificazione della riviera tra il punto in cui termina il primo lotto (all’altezza di via della Figlia di Iorio) e fino a via De Titta. Parliamo della lavorazione più importante dell’appalto e anche la più consistente, proprio per questo sarà l’intervento che inizierà per primo. Ora, se come ci ha comunicato la ditta, i lavori inizieranno questa settimana, è di tutta evidenza che termineranno entro metà aprile e quindi ben in anticipo rispetto alla stagione di affluenza alle spiagge.

Perché non rimandarli? Perché potremmo avere una riviera più attrattiva già da questa stagione: vorrei ricordare, sempre a proposito di quel turismo e di quella accoglienza che vengono sollevati nelle osservazioni Sib, che questa fase lavorativa consegnerà alla città una passeggiata 11 metri larga già per quest’estate, con una pista ciclabile in linea con il tratto precedente, quindi un marciapiede interamente fruibile che sarebbe meno utilizzabile in autunno e d’inverno, quando sarebbero pronti qualora venissero sospesi i lavori.

Il lavoro a seguire, compreso tra via De Titta e via De Nardis, fino ad arrivare a piazza Le Laudi comporta, invece, tempi esigui di realizzazione pari a 30 giorni. È un intervento che non impatta sugli stabilimenti e non è invasivo, ma se dovessimo arrivare in concomitanza con la stagione estiva non avremo problemi a sospendere il cantiere per riprendere a settembre.

Restano infine i lavori nell’area dunale e retrodunale che sono della durata di 60 giorni, ma parliamo qui di interventi che si possono svolgere in concomitanza con i precedenti perché incidono già in un’area di cantiere”.

 

Potrebbe piacerti anche