The news is by your side.

Periferie sicure, i carabinieri mettono a segno due arresti, tre denunce e un controllo di esercizio pubblico

Controllate più di 110 persone, più di 80 autovetture e dei soggetti agli arresti domiciliari

Pescara. Continua l’operazione denominata Periferie Sicure, portata avanti dai Carabinieri della Compagnia di Pescara, coadiuvati dalla Compagnia Intervento Operativo del 14° Battaglione Calabria, che, tra l’altroieri pomeriggio e ieri mattina, hanno battuto a tappeto i quartieri di Rancitelli, Fontanelle e San Donato e, oltre a sottoporre a controllo oltre 110 persone, più di 80 autovetture, nonché numerosi soggetti ristretti presso le proprie abitazioni in regime di arresti e detenzione domiciliare, hanno tratto in arresto 2 persone, denunciate 3, segnalata una alla locale Prefettura per uso di sostanze stupefacenti, nonché, congiuntamente al personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Pescara, sottoposto a mirato controllo un noto esercizio commerciale della zona.

Nello specifico, i Carabinieri hanno tratto in arresto:

  • S., 41enne di etnia rom, pregiudicata, in quanto destinataria di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano (AQ), dovendo espiare la pena di 5 mesi e 23 giorni di reclusione poiché riconosciuta colpevole del reato di furto in abitazione e dal quale si era sottratta dal 25 febbraio, divenendo di fatto irreperibile. Espletate le formalità di rito, l’arrestata è stata tradotta presso il carcere di Chieti su disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante;
  • D.F., 33enne pescarese, con precedenti di polizia, in atto sottoposto agli arresti domiciliari, colto nella flagranza dei reati di evasione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, poiché, sottoposto a perquisizione personale in via Caduti per Servizio (fuori dal domicilio eletto senza alcuna autorizzazione dell’Autorità) e, successivamente, a perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 3,50 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish e di un bilancino elettronico di precisione. Arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto nuovamente presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari;
  • deferito in stato di libertà:
  • per violazione del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro, il legale rappresentante di un noto esercizio commerciale, poiché, nel corso del controllo esperito dai Carabinieri del N.O.R.-Sez.Radiomobile di Pescara, unitamente ai colleghi del locale Nucleo Ispettorato del Lavoro, è stata appurata la mancanza sia del Documento Valutazione Rischi che della prevista visita medica preventiva in favore di un dipendente;
  • D.A., 43enne proveniente da Chieti, con precedenti di polizia, per porto di armi ed oggetti atti ad offendere, poiché, durante un controllo dinamico alla circolazione stradale, è stato trovato in possesso di un coltello della lunghezza complessiva di 15 cm., nascosto all’interno della borsa a tracolla;
  • L., 36enne proveniente da Francavilla al Mare (CH), con precedenti di polizia, poiché, sottoposto a perquisizione personale d’iniziativa, è stato trovato in possesso di 1,60 grammi di sostanza stupefacente del tipo eroina, nonché di 3 flaconi da 50 milligrammi di metadone;
  • segnalato alla locale Prefettura per uso di sostanze stupefacenti:
  • C., 22enne proveniente dalla provincia di Pescara, con precedenti di polizia, poiché, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 2 flaconi da 50 milligrammi di metadone.
Potrebbe piacerti anche