The news is by your side.

Assalto al pullman dei supporter abruzzesi con sassi e colpi di mazza, dimessi i due tifosi pescaresi

Guariranno in 10 giorni, i teppisti hanno agito con pietre sulla statale Brindisi-Lecce

Pescara. Sono stati dimessi e guariranno in dieci giorni i due tifosi pescaresi feriti ieri sera nell’assalto al pullman dei supporter abruzzesi, con lancio di sassi e colpi di mazza, compiuto prima della partita Lecce-Pescara sulla statale Brindisi-Lecce, nei pressi dello svincolo per Taurisano. Si tratta di due uomini di 37 anni e 32 anni.

Il primo era stato ricoverato al Vito Fazzi con una ferita lacero contusa al cuoio capelluto, causata probabilmente dallo scoppio di una bomba carta. Il secondo, invece, era stato ricoverato all’ospedale di San Pietro Vernotico con una ferita lacero-contusa. E’ stato dimesso anche l’automobilista investito casualmente da un’auto in retromarcia: era sceso dal suo veicolo per accertarsi di cosa stesse accadendo. Ha riportato un trauma cranico commotivo, una ferita lacero contusa alla testa e una contusione al torace. La prognosi è di 15 giorni.

L’agguato è stato compiuto intorno alle 20. Poco prima un equipaggio della Polizia stradale aveva agganciato la scorta tecnica composta dai poliziotti della Questura di Pescara con al seguito la carovana dei tifosi pescaresi. Giunti a circa 20 chilometri da Lecce, dalle siepi della carreggiata, è uscito un gruppo di circa 50-70 tifosi leccesi, travisati e incappucciati, muniti di torce e fumogeni, che ha invaso la strada subito dopo il passaggio della prima autovettura di scorta e mentre transitava il convoglio dei tifosi del Pescara. Secondo quanto riferito dalla Questura di Lecce, i tifosi leccesi hanno lanciato un bengala sotto una delle auto pescaresi in transito, che ha preso fuoco ed ha costretto il conducente a fermarsi.

E’ stato così bloccato anche il pullman dei tifosi abruzzesi. Il bus è stato fatto oggetto di lancio di sassi e colpi di mazza che hanno provocato la rottura del parabrezza anteriore ed il vetro del lato conducente. L’immediato arrivo delle Forze dell’Ordine e dei Vigili del Fuoco ha scongiurato il peggio. Sono in corso le indagini, da parte della Digos, per individuare gli autori dell’agguato, anche con l’ausilio di immagini di videosorveglianza e delle riprese fatte dal personale della Polizia Scientifica.

Potrebbe piacerti anche