The news is by your side.

Cepagatti, Fiucci chiede chiarimenti al Sindaco Cantò sul piano triennale dei lavori pubblici

Cepagatti. “Il sindaco Gino Cantò: il ragioniere che non ragiona e sbaglia i conti. Verrebbe da sorridere, se non fosse che il primo cittadino è costretto a saper fare addizioni e sottrazioni in quanto amministratore dei soldi pubblici, che appartengono alla collettività”.

Lo afferma il consigliere comunale di Cepagatti, Daniele Fiucci, che, insieme ai colleghi del gruppo Cepagatti Unita, Domenico Di Meo, Dante Luca Ciuffi, Maria Petaccia e Monica Ciuffi, ha presentato una richiesta formale di chiarimenti rispetto ai contenuti della delibera, datata 25 marzo 2019, avente per oggetto l’approvazione elenco annuale Lavori pubblici 2019 e triennale 2019-2021. Nella lettera, indirizzata al sindaco, Gino Cantò, alla segretaria comunale, Stefania Pica, e al revisore dei conti, Antonio Fusella, i consiglieri chiedono chiarezza in merito alle cifre contenute nei provvedimenti approvati dalla maggioranza.

“Le somme indicate per quanto riguarda Lavori pubblici e Piano triennale – spiega Fiucci – superano, al netto del ristoro previsto da Terna Spa, la disponibilità delle casse comunali di ben 333.590. I consiglieri chiedono quindi chiarimenti in merito alle incongruenze riscontrate, le quali determinano una non conformità tra il Piano finanziario delle Opere pubbliche, il Bilancio di previsione 2019 e il Documento unico di programmazione”.

Potrebbe piacerti anche