The news is by your side.

A Pescara evento Legacoop su housing sociale: affitti a canone sostenibile e sostegno per i bisognosi

Pescara. Affitti a canone sostenibile, facilitazioni, sostegno: Legacoop per il sociale, per il diritto alla casa, vicina a chi ha più difficoltà, intervenendo dunque con l’housing sociale.

Al tema è dedicato il convegno “Housing sociale – per la rinascita urbana. Progetto della macro regione adriatica”, che si svolgerà domani, venerdì 6 dicembre, dalle 9,30, all’Aurum di Pescara. In scaletta, nell’evento di domani parteciperanno esperti dei diversi settori, addetti ai lavori, i sindaci delle città nelle quali si stanno realizzando interventi e assessori regionali e comunali di riferimento, focus sugli interventi di social housing a Pescara ovest, da periferia a città, come da titolo della relazione, nonché sul quadro regionale: riuso del quartiere Borgo a Lanciano; Abitare Pineto, completamento quartiere Peep; Casa d’Amare in via Trieste a Giulianova; Abitare Roseto, edilizia agevolata a Roseto degli Abruzzi; Abitare Teate, nuovo quartiere a Chieti città; riqualificazione urbana ex Villeroy & Boch a Teramo.

Gli alloggi in housing sociale possono essere assegnati per la prima casa ai nuclei famigliari che non superino il reddito di 39mila euro lordi annui. Calcolati al 60 per cento per il lavoratore dipendente e al 100 per cento per l’autonomo. Il consorzio Abitare Abruzzo, aderente a Legacoop Abruzzo, è stato fondato nel 2008, in continuità con la cooperativa Città futura, fondata nel 1981. Al momento sta realizzando interventi a Pescara, Chieti, Teramo, Pineto, Roseto e Giulianova.

“Una casa in cooperativa housing sociale” spiega Raffaele Di Pancrazio, presidente del consorzio Abitare Abruzzo “si ottiene con assegnazione in proprietà a prezzi calmierati, con un contributo regionale di circa 20mila euro o a canone sostenibile con diritto di riscatto. L’assegnatario paga un canone sostenibile definito dall’associazione dei comuni e dal Sunia, il sindacato unitario nazionale inquilini e assegnatari. All’ottavo anno acquista l’appartamento, con il canone di affitto versato riconosciuto come anticipo al 90 per cento”.

Potrebbe piacerti anche