The news is by your side.

Appalti Asl Pescara, le intercettazioni: “è tutto pilotato perché deve essere così” (video)

Pescara. “Tutto pilotato! È tutto pilotato perché deve essere così”. Era chiaro il disegno che tecnici e dirigenti avevano circa la gestione degli appalti della Asl di Pescara. L’inchiesta, condotta dalla Guardia di Finanza di Pescara, su un appalto di oltre 11 milioni di euro aggiudicato dalla Asl di Pescara con modalità ritenute “illecite” ha portato all’arresto di 3 persone. Si tratta di Sabatino Trotta, primario della Asl di Pescara e dirigente del dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Pescara, già candidato con Fratelli d’Italia alle scorse elezioni regionali del 2019 in Abruzzo, il legale rappresentante e una dipendente con funzioni di coordinatrice della Cooperativa Sociale “La Rondine”, società partecipante al Consorzio Coop. Sociali S.G.S. vincitore della gara pubblica di appalto volta all’affidamento della gestione di residenze psichiatriche extra ospedaliere, del valore complessivo di 11.309.100,00 euro, indetta con Delibera n. 16 del 09.01.2020 dell’AUSL di Pescara e aggiudicata definitivamente nel mese di marzo del 2021.

Agli indagati sono stati contestati gravi reati contro la pubblica amministrazione, e in particolare i reati di corruzione, di istigazione alla corruzione e di turbata libertà degli incanti.

“Un’iniziativa investigativa che ha caratteristiche estremamente peculiari e che ha destato particolare allarme, tale da giustificare queste richieste del Pm poi accolte dal Gip”. Così il procuratore capo di Pescara, Anna Rita Mantini, ha illustrato, in conferenza stampa, l’indagine coordinata dalla Procura e portata a termine dagli uomini del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara che hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone, emessa dal Gip del Tribunale di Pescara Nicola Colantonio.

I destinatari delle misure sono il dirigente del Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Pescara, Sabatino Trotta, il legale rappresentante e una dipendente, con funzioni di coordinatrice, della Cooperativa Sociale “La Rondine”, società del Consorzio Coop. Sociali S.G.S. vincitore di gara pubblica d’appalto per l’affidamento della gestione di residenze psichiatriche extra ospedaliere, del valore complessivo di 11 milioni 309.100 euro. Gara indetta con Delibera n. 16 del 9 gennaio 2020 della Asl e aggiudicata definitivamente nel marzo 2021. L’indagine, ha spiegato Mantini, “riguarda la gestione di appalto per residenze psichiatriche ospedaliere e case famiglia che asseriscono alla tutela delle fragilità verso persone che dovevano essere gestite e assistite in queste strutture”.

Un’indagine caratterizzata da un’attività “tecnica investigativa anche dopo segnalazioni all’interno della struttura sanitaria” in merito a “condotte appropriative di basso profilo. Si è evidenziato l’aggressività delle condotte e sono state accertate corresponsioni di rilevanti regalie, come orologi e gioielli. Abbiamo rilevato numerose condotte in violazione delle norme anti Covid e condotte inaccettabili in un momento di dramma collettivo e tragedia italiana nel periodo del Covid”.

Ecco il video:

 

Potrebbe piacerti anche