The news is by your side.

Chieti, sei società sportive continueranno ad utilizzare i palazzetti dello sport Santa Filomena e Colle dell’Ara

Chieti. “Le Società Sportive che già avevano l’utilizzo dei Palazzetti dello Sport di “Santa Filomena” e
“Colle dell’Ara”, prima della riconsegna degli impianti al Comune da parte del Curatore del fallimento del Cus Chieti, continueranno ad usufruire le strutture sportive per le rispettive attività”.

È la decisione assunta nel corso di una riunione odierna presieduta dal Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, e dall’Assessore allo Sport, Antonio Viola, alla presenza del dirigente del V Settore del Comune, Paolo Intorbida e delle Associazioni Sportive A.s.d. Magic Basket Chieti, U.S. Pallamano Chieti, Pallavolo Teatina, A.s.d. Minerva Calcio a 5, Es Chieti Calcio a 5 e Pattinaggio Artistico Teatino Chieti.

Gli impianti sportivi comunali di Colle dell’Ara e Santa Filomena, infatti, venerdì 27 settembre 2019
sono stati nuovamente presi in consegna dal Comune di Chieti legittimo proprietario. “D’intesa con il Sindaco, il dirigente dell’Ufficio e le associazioni sportive – spiega l’Assessore Viola – si è deciso che le società cittadine che si allenavano e disputavano i Campionati di competenza presso le strutture di “Santa Filomena” e “Colle dell’Ara” prima del fallimento del Cus Chieti continueranno ad utilizzare gli impianti per le loro attività. In particolare, le stesse società hanno individuato per la gestione delle strutture due soggetti capofila, uno per ogni Palazzetto, che assumeranno le obbligazioni per sé e per gli altri delle strutture. Per il Pala “Santa Filomena” ha trovato l’assenso di tutti la “Pallamano Chieti” mentre per l’impianto di Colle dell’Ara è stata individuata la “Pallavolo Teatina”.

“Già nei prossimi giorni – evidenzia l’Assessore – sulla scorta di tale decisione e dopo aver eseguito
la verifica della funzionalità degli impianti, l’ufficio Sport del Comune predisporrà una determinazione avente ad oggetto la concessione temporanea delle strutture – fino al 30 giugno 2020
-, così come previsto dal regolamento comunale e dalla legge regionale, nelle more di un futuro bando di gara».

Potrebbe piacerti anche