The news is by your side.

Cinque indagati e oltre 2.400 persone controllate all’esito della settimana di controlli della Polfer tra Abruzzo, Marche e Umbria

Pescara. 5 indagati e 2.437 persone controllate, 1 minore rintracciato, 1 persona proposta per un provvedimento di polizia, 245 pattuglie impegnate in stazione, 60 a bordo treno e 30 i servizi di pattugliamento: è questo il bilancio dell’attività, nell’ultima settimana, del Compartimento Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo.

In particolare, ad Ancona, la Polizia Ferroviaria ha denunciato 3 italiani per i reati di violenza e minaccia a P.U. Gli uomini, a bordo di un IC proveniente da Bologna, privi del titolo di viaggio, al momento del controllo da parte del capo treno, lo hanno offeso e minacciato. Giunto il convoglio nella stazione di Ancona, i tre hanno proseguito con il loro atteggiamento aggressivo anche nei confronti degli agenti della Polfer che sono intervenuti. Uno dei tre è stato, anche, sanzionato perché non indossava la mascherina di protezione.

Sempre ad Ancona, i poliziotti hanno sanzionato un 52enne italiano per ubriachezza. Dopo aver prestato un primo soccorso all’uomo, lo stesso è stato allontanato dalla stazione con divieto di farvi ritorno per le successive 48 ore.

Nella stazione di Pescara un 53enne italiano è stato denunciato dalla Polfer per aver molestato una viaggiatrice a bordo di un treno regionale. L’uomo è stato controllato dagli agenti su segnalazione del compagno della donna, vittima delle insistenti e fastidiose attenzioni da parte del viaggiatore.

Un 27enne italiano, a Vasto, a seguito di un controllo, è risultato evaso dagli arresti domiciliari. Il giovane, su disposizione dell’A.G. competente, è stato riaccompagnato presso la propria abitazione e denunciato per il reato di evasione.

A Bologna, gli operatori della Polfer di Ancona, nel corso di un servizio a bordo di un treno regionale diretto a Bologna, hanno rintracciato un minore che si era allontanato arbitrariamente da una comunità alla quale era stato affidato, nello scorso mese di settembre. Gli agenti, con la collaborazione dei colleghi del Posto Polfer di Forlì, hanno riaffidato il giovanissimo, alla comunità

Potrebbe piacerti anche