The news is by your side.

Coronavirus, Abrex al fianco di Farindola per buoni spesa. Il sindaco: mitigare effetti per nuclei più fragili

Pescara. La Moneta Sociale d’Abruzzo Abrex, al servizio delle persone più bisognose, anche a Farindola, uno dei comuni della zona rossa dell’area vestina nell’emergenza Covid 19. Il fondo per l’acquisto di beni di prima necessità per le famiglie è stato infatti aumentato del 25% grazie al contributo di privati. L’Amministrazione Comunale di Farindola si è così attivata inserendosi pienamente in questo ambito gestionale emergenziale ed, alla ricerca di fondi che potessero aumentare il plafond messo a disposizione dal Governo, e ha avviato una sinergia con l’Associazione Abruzzo4MED, riuscendo così ad aumentare del ben 25% i fondi per i buoni spesa, permettendo cioè il passaggio da 12mila a 15mila euro.

Farindola, con questa operazione comunitaria, cooperativa si è configurata come la prima realtà in Abruzzo ad aver autonomamente implementato il fondo di sostegno alle famiglie in difficoltà mediante la Moneta Sociale d’Abruzzo, una moneta locale ideata da Abrex srl: la nota StartUp abruzzese fondata sulla logica del “quello che hai per quello che ti serve”, ovvero la conversione delle proprie eccedenze in ciò che può essere utile praticamente senza alcun costo. “È un dovere di chi amministra”, ha detto il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta, “riuscire a mitigare gli effetti che questa situazione, di straordinaria immobilità, sta provocando ai nuclei più fragili della nostra comunità: siamo aperti a quanto il privato riesce a convogliare sul nostro territorio”.

Potrebbe piacerti anche