The news is by your side.

Coronavirus, chiusi parchi e aree verdi a Pescara fino al 28 febbraio

Pescara. Al fine di contrastare la crescita esponenziale di contagi Covid registrata nelle ultime settimane nel capoluogo adriatico, il vice sindaco e assessore comunale Giovanni Santilli ha ordinato la chiusura al pubblico di tutti i parchi e delle aree verdi dal 20 al 28 febbraio 2021. Data, quest’ultima, che fa riferimento al termine dell’ordinanza regionale sull’entrata in zona rossa delle province di Chieti e Pescara e che segue l’ordinanza analoga del comune di Spoltore. Il sindaco di Spolotre Luciano Di Lorito infatti, già dal 17 febbraio aveva determinato, oltre alla chiusura delle scuole, anche quella di parchi e strutture sportive.

“La restrizione si è resa necessaria”, spiega il vice sindaco,”vista la situazione del momento, che impone di avere comportamenti responsabili. Ci allineiamo quindi ai provvedimenti già in atto e alle indicazioni della stessa prefettura, perché in questa fase così delicata ognuno di noi deve fare la propria parte. Confido quindi nel senso di responsabilità dei cittadini, dei quali dobbiamo tutelare la salute e ai quali vanno anche evitate le pesanti sanzioni cui possono incorrere per via della rete di controlli predisposta dalle autorità competenti”.

“Quanto accaduto, conclude il vicesindaco,” in particolare negli ultimi fine settimana ha dettato necessariamente una soluzione come questa. Non escludo, ed è ciò che mi auguro, che a fronte a un miglioramento dell’andamento dell’epidemia, cioè con l’inversione dell’andamento dei casi di malattia che purtroppo ora sono in crescita, si possa procedere all’immediata riapertura degli spazi verdi.”

Potrebbe piacerti anche