The news is by your side.

Coronavirus, Conte parla ancora in tv e attacca Salvini e Meloni per il Mes, le opposizioni: “Roba da regime totalitario”

Lockdown fino al 3 maggio, è scontro sul Mes

La conferenza stampa di Giuseppe Conte, attesa per le 14 di ieri, è andata in onda poco prima delle 20. Il presidente del Consiglio ha preso nuovamente la parola per comunicare il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio, tranne che per alcune attività, come quelle che si occupano della lavorazione del legno, dei negozi di abbigliamento per bambini e delle cartolerie.

Conte ha parlato anche del Mes e ha affermato di non aver firmato ancora nulla: “Salvini e Meloni dicono falsità”.

Immediata la reazione dei leader delle opposizioni. Il segretario del Carroccio ha telefonato in diretta a “Stasera Italia”, condotto da Barbara Palombelli: “Perchè Conte non ha risposto alle domande importanti su emergenza e post-emergenza? Perchè non ha accolto la proposta della Lega di alzare gli stipendi dei medici? E’sempre colpa di Salvini”, ha commentato ironicamente, aggiungendo che è tipico delle dittature usare la tv di Stato per scagliarsi contro le opposizioni.

Non meno dura la reazione di Giorgia Meloni: in un videomessaggio, l’esponente di Fratelli d’Italia ha tuonato dicendo di volere lo stesso spazio e lo stesso tempo per parlare su una tv pubblica, ieri non si è avuta la possibilità di un contraddittorio e non si è potuto rispondere alle accuse. “Accade solo nei regimi totalitari, so che il Governo è vicino alla Cina, ma non pensavo così tanto anche alla Corea del Nord. Conte gioca a fare il bullo sulla televisione pubblica in prima serata. A proposito, io nel 2012 non c’ero, c’era Monti a governare l’Italia”.

Potrebbe piacerti anche