The news is by your side.

Coronavirus, D’Agresta (Articolo Uno): pescaresi ingannati dal sindaco Masci, intervenga la procura

Pescara. “Quello che è accaduto ieri, venerdì primo maggio, a Pescara è stato raccapricciante: la riviera invasa da cittadini convinti che l’emergenza sanitaria fosse ormai alle spalle, senza dispositivi di protezione, senza controlli, ingannati dagli annunci del sindaco di Pescara”. Ad affermarlo è  Francesco D’Agresta, segretario provinciale Articolo Uno Pescara.

“Quella andata in scena ieri e nei giorni precedenti è una delle pagine più raccapriccianti della politica locale. Un valzer di ordini e contrordini che ha messo a nudo tutta l’incapacità amministrativa del presidente Marsilio e del sindaco Masci, i quali hanno anteposto gli interessi di partito e la ricerca della visibilità a una ponderata gestione dell’emergenza sanitaria” continua D’Agresta. “Lo ribadiamo: facciano il lavoro per il quale sono stati eletti, non i passacarte di Salvini, Meloni e Berlusconi”.

“Questa gestione infantilesca rischia di vanificare tutti i duri sacrifici sostenuti dai cittadini abruzzesi per frenare il contagio, Marsilio e Masci, se ne sono capaci, ritrovino un minimo di lucidità. Quello che è successo è gravissimo, ritengo sia doveroso un intervento delle autorità preposte, dalla procura della Repubblica al governo nazionale, perché ieri qualcuno ha voluto giocare con la salute dei cittadini” conclude D’Agresta.

Potrebbe piacerti anche