The news is by your side.

Coronavirus, la scuola del futuro è sempre più vicina: lezioni online e in classe una volta al mese

L’emergenza Coronavirus ha modificato radicalmente stili di vita e abitudini quotidiane. Nei giorni scorsi è stato firmato un importante protocollo tra le organizzazioni sindacali e la ministra della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone sulla “necessità di contingentare l’accesso agli spazi comuni, mense, aree di attesa, con la previsione di una ventilazione o aerazione continua dei locali, di un tempo ridotto di sosta all’interno di questi spazi e con il mantenimento della distanza di sicurezza”.

L’impatto maggiore lo subirà la scuola: è sempre più vicina l’ipotesi di terminare quest’anno scolastico con la didattica a distanza e di inaugurare, nello stesso modo, il prossimo, prevedendo in più dei turni mensili in presenza nelle aule. La conferma sulle modalità di svolgimento dell’ultima parte dell’anno avverrà tra pochi giorni.

“Per il prossimo anno scolastico serve una strategia governativa – tuona Pino Turi della Uil Scuola – e serve un protocollo per la tutela della salute specifico per le necessità organizzative della scuola e dell’università”. L’Italia non ha ancora risolto l’annoso problema delle classi pollaio: fino a 30 studenti stipati in aule piccole e inadatte, a maggior ragione con un rischio di contagio.

Potrebbe piacerti anche