The news is by your side.

Covid e tassa occupazione suolo a Pescara, ancora uno slittamento per aiutare esercenti in difficoltà

Pescara. La giunta comunale di Pescara ha deliberato un ulteriore slittamento dei termini di pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico (Cosap), allo scopo di venire incontro agli operatori economici che vivono una fase di difficoltà finanziarie provocate dalla lunga chiusura degli esercizi a causa della pandemia.

A muovere la decisione dell’amministrazione guidata dal sindaco Carlo Masci, e nello specifico – per delega – dall’assessore al Bilancio e alle Finanze Eugenio Seccia, la circostanza che con le scadenze previste gli operatori si troverebbero a pagare, alla data del 30 giugno prossimo, 2 rate (quelle del 31 gennaio e del 31 marzo 2020), oltre alla terza scadente il 31 luglio prossimo, cosa che metterebbe in seria difficoltà una categoria economica già fortemente provata.

Le nuove modalità di pagamento sono state, nella delibera in questione, così ridefinite: 

PER QUEGLI OPERATORI TENUTI A PAGARE IN UN’UNICA SOLUZIONE, di prorogare al 31 luglio il termine di scadenza ordinariamente previsto per il 31 gennaio 2020, già oggetto di due rinvii, rispettivamente al 31 marzo e al 30 giugno 2020;

PER QUEGLI OPERATORI CHE HANNO DIRITTO AL PAGAMENTO RATEALE secondo il seguente calendario:

 1^ rata: scadenza 31/07/2020;

2^ rata: scadenza 31/08/2020;

3^ rata: scadenza 30/09/2020; 

4^ rata: scadenza 31/10/2020.

 

Potrebbe piacerti anche