The news is by your side.

Covid, ecco il nuovo Piano Scuola: cosa c’è da sapere su mascherine, palestre e mense

Pescara. Didattica in presenza, anche senza adeguato distanziamento, e piena partecipazione alla campagna vaccinale. Sono queste le sfide che la scuola si troverà di fronte per il prossimo anno scolastico quando – è l’auspicio del governo – i ragazzi potranno tornare a riconquistare la “dimensione relazionale e sociale”.

Il Ministero dell’Istruzione presenterà la prossima settimana agli enti locali il suo piano scuola 2021/22, contenenti le misure da adottare in vista della ripresa delle lezioni. Dalle mascherine al distanziamento, dalla sanificazione alle attività in palestra, ecco punto per punto le raccomandazioni del piano scuola, che ricalca le indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico.

DIDATTICA IN PRESENZA – La priorità assoluta “sia per il suo essenziale valore formativo, sia per l’imprescindibile ruolo che essa svolge nel garantire lo sviluppo della personalità e della socialità degli studenti provati dai lunghi periodi di limitazione delle interazioni e dei contatti sociali”. “È necessario – si legge nel piano – predisporre ogni opportuno intervento per consentire, sin dall’inizio dell’anno, il normale svolgimento delle lezioni in presenza in condizioni di sicurezza”.

VACCINI – È “essenziale”, si legge nella bozza, “che il personale docente e non docente, su tutto il territorio
nazionale, assicuri piena partecipazione alla campagna di vaccinazioni”. La comunità scolastica, sottolinea
ancora il documento, dovrà anche adoperarsi “per far comprendere il valore della vaccinazione” anche come
“veicolo per la piena ripresa della vita sociale del Paese e, in particolare, della normale vita scolastica”.

MASCHERINE – Resta l’obbligo delle mascherine (chirurgiche o di comunità) ma non del distanziamento. La
principale novità, infatti, è che “laddove non sia possibile mantenere il distanziamento fisico per la riapertura
delle scuole, resta fondamentale mantenere le altre misure non farmacologiche di prevenzione, ivi incluso
l’obbligo di indossare in locali chiusi mascherine di tipo chirurgico”.

SANIFICAZIONE – Nell’eventualità di un caso confermato di positività la sanificazione “va effettuata se non sono trascorsi 7 giorni o meno da quando la persona positiva ha visitato o utilizzato la struttura”. Ad effettuarla non dovrà essere necessariamente una ditta esterna ma potrebbe essere anche il “personale della scuola già impiegato per la sanificazione ordinaria”.

TRACCIAMENTO – Anche per quest’anno vengono esclusi “test diagnostici o screening preliminari all’accesso
a scuola”.

MENSA – Gli operatori dovranno indossare la mascherina e non sarà obbligatorio l’uso di stoviglie monouso. Garantire, poi, il distanziamento in ingresso e uscita.

AERAZIONE – Necessario “continuare ad assicurare il rispetto delle ordinarie misure di aerazione dei locali e della pulizia quotidiana, ‘accurata e ripetuta’, di tutti gli ambienti”.

PALESTRA – In zona bianca possibili le attività di gruppo, ma preferibili quelle individuali. Nelle zone gialle o arancioni, concesse solo le attività individuali.

Potrebbe piacerti anche