The news is by your side.

Emergenza coronavirus, fermate a Pescara due persone provenienti dalla zona rossa

Il sindaco Carlo Masci: "una cosa assurda, ma controlli in città ok"

Pescara. Due persone residenti a Castiglione Messer Raimondo, uno dei sei comuni abruzzesi della Val Fino inseriti nella zona rossa instituita dal Presidente della Regione Marco Marsilio, e una vettura proveniente da Bisenti, altro Comune in zona rossa, sono stati fermati questa mattina a Pescara. Lo ha dichiarato il sindaco del capoluogo adriatico Carlo Masci.

“Quello che è accaduto questa mattina a Pescara è veramente assurdo perché ad uno dei tanti posti di blocco che abbiamo creato in città abbiamo fermato prima una macchina con due persone dentro che provenivano da Castiglione Messer Raimondo e che erano state dal figlio e che tornavano da Pescara a casa”, spiega il primo cittadino abruzzese, “noi abbiamo disposto l’accompagnamento e il ritorno a Castiglione, con l’irrogazione delle sanzioni previste per legge, come accaduto successivamente in un altro posto di blocco dove è stata fermata una vettura proveniente da Bisenti, altro Comune della zona rossa. Quanto accaduto stamattina”, conclude, “dimostra che i controlli in città funzionano, anche perché Pescara è praticamente deserta”.

Potrebbe piacerti anche