The news is by your side.

Emergenza Covid-19, in Abruzzo oltre 500 medici in pensione pronti a tornare in corsia

Il gruppo di operatori scrive a Marsilio: noi riservisti fateci formare nuovi operatori

Pescara. Un gruppo di oltre 500 medici, infermieri e operatori socio-sanitari abruzzesi in pensione si rende disponibile a scendere in campo nella battaglia contro il Covid-19, nelle strutture ospedaliere di Abruzzo e Molise, fornendo il proprio contributo a carattere puramente volontario. A renderlo noto sono il professor Raffaele Tenaglia, ex primario di Urologia all’ospedale di Pescara, e il dottor Walter Palumbo, in una lettera indirizzata al presidente della giunta regionale abruzzese Marco Marsilio.

“Abbiamo deciso di chiamarci ‘i riservisti'”, spiega il gruppo di operatori sanitari, “perché nel passato, in periodo di guerra, e questa lotta contro il Coronavirus è una guerra, il Paese per aumentare la sua forza combattiva richiamava in servizio coloro i quali avevano lasciato il servizio militare attivo”. Tanaglia e Palumbo fanno sapere che il gruppo, “formato per lo più da pensionati abituati a vivere in ospedale, in sala operatoria e in rianimazione, ha deciso di organizzare una task force volta a condividere un percorso comune per dare una mano a coloro che in questo momento di emergenza sanitaria sono in prima linea negli ospedali della nostra Regione”. In particolare il personale sanitario in pensione intende fornire il proprio contributo “selezionando e assistendo i nuovi operatori”.

I due medici rilevano che “in questo modo si creerebbero sostituti per i rianimatori” e osservano che “cominciare a fare delle prove di preparazione sarebbe opportuno e potrebbe rivelarsi determinante per affrontare questa terribile fase”. Tenaglia e Palumbo evidenziano poi “la necessità di aprire nuovi spazi, in particolare un reparto con almeno 50 posti di intensiva, sub-intensiva e medicina generale” e chiedono a Marsilio “di utilizzare queste competenze e di far presto a trovare le soluzioni logistiche per l’aumento dei posti letto, specialmente per la terapia intensiva”. L’unica condizione posta dal gruppo di operatori sanitari è legata alla dotazione “dei necessari dispositivi di protezione”.

Potrebbe piacerti anche