The news is by your side.

Estate, Federalberghi: “Hotel pronti ma basta quarantene di 5 giorni per stranieri”

Pescara. Gli hotel sono pronti alle riaperture ma non è tutto oro quello che luccica. Lo spiega  il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca: “Va bene ed è meglio di prima che gli italiani si possano muovere da una regione all’altra. Avere la maggior parte delle regioni in giallo e potere andare da una all’altra ci consente di immaginare una ripartenza. Almeno per il turismo interno ma non è affatto così per quello straniero. Purtroppo continuiamo ad avere quei 5 giorni di quarantena sui turisti europei e quei 15 sugli americano che ovviamente per alcune destinazioni, come ad esempio le città d’arte, mette completamente in ginocchio”.

Gli alberghi di quei luoghi sono chiusi con previsioni di aperture a maggio, racconta il presidente degli albergatori, ma con prenotazioni zero, partiamo almeno da settembre.

“Ma Firenze e Roma – sottolinea – vivono quasi solo di turismo internazionale e questo non è possibile. Non riesco a capire come la Grecia dal 14 maggio consenta l’ingresso di stranieri in possesso di vaccino o di tampone negativo e l’Italia per questo non ha ancora dato una data. Un francese sicuramente non viene a Roma, se sa che deve fare 5 giorni di quarantena…”.
Per Bocca bisognerebbe prendere esempio dagli stranieri e specialmente dai diretti competitor dell’Italia: “Come Grecia e Spagna difendono il settore turismo che è importantissimo per il pil, la stessa cosa dovremmo fare noi… Alla Germania questo non interessa perché non vivono di turismo, il loro asset principale è il settore manifatturiero e infatti lo hanno difeso e non lo hanno mai chiuso”.

Potrebbe piacerti anche