The news is by your side.

Gilet arancioni a Pescara senza mascherine e distanziamento, Acerbo: chiediamo chiarezza al questore e al prefetto

Ieri a Pescara si è tenuta una manifestazione di gilet arancioni, il partito dell’ex-colonnello Pappalardo.
“Tutti i partecipanti e gli oratori”, fanno notare Maurizio Acerbo, segretario nazionale, Corrado Di Sante, segretario provinciale e il Partito della Rifondazione Comunista, Sinistra Europea,”non portavano mascherine e facevano propaganda contro le misure di contenimento e prevenzione del contagio”.
“Non ci interessa polemizzare con gente che fa il saluto romano e dichiara che il virus non esiste. Si tratta dell’ennesima dimostrazione del fatto che l’estrema destra si traveste in mille modi ma fa leva sempre su demagogia, ignoranza e irrazionalità.  Chiediamo pubblicamente”, sottolineano,” a Questore e Prefetto di sapere però se le persone che hanno organizzato e partecipato a questa ridicola kermesse siano state identificate e sanzionate dalle forze dell’ordine per violazione delle normative vigenti riguardo al contenimento del contagio. E soprattutto chiediamo di sapere se corrisponda al vero quanto dichiarato dal coordinatore regionale dei “gilet arancioni” Aurelio Vittori che ha affermato in un’intervista che  “il questore di Pescara che ci ha prescritto di non indossare la mascherina in questa manifestazione.” Questo signore ha fatto un “grande plauso” al Questore. (le dichiarazioni nell’ultima parte del video https://www.ilpescara.it/video/gilet-arancioni-pescara-protesta-governo.html).  Noi chiediamo da cittadini che si riconoscono nella Costituzione che il Questore faccia chiarezza su quanto accaduto”.
“Ripetiamo: questi signori sono stati identificati e sanzionati? O per l’estrema destra non esistono regole che valgono per altri cittadini? E’ vero quanto dichiarato da questo signore”?
Potrebbe piacerti anche