The news is by your side.

“Grazie famiglie”, domani il flash-mob sui balconi per applaudire bambini, genitori e nonni

Pescara. Affacciati ad applaudire e ringraziare genitori, bambini e nonni che, non uscendo di casa, hanno dato un contributo decisivo alla lotta contro il Coronavirus. È il flash-mob nazionale #graziefamiglie, lanciato dal Forum delle associazioni familiari a cui aderisce anche il Forum abruzzese, in programma domani, domenica 3 maggio, alle 18.

“Non si può dare per scontato che le famiglie ci sono e che reggeranno… per quanto ancora? Perché non ringraziarle per come hanno risposto con grande senso di responsabilità in questo tempo drammatico? Domenica le famiglie si faranno un bell’applauso e si diranno ‘grazie’ per il contributo al bene comune che continuano a dare. Ne hanno bisogno in particolare i nostri figli chiusi in casa da due mesi” spiega il presidente del Forum delle associazioni familiari dell’Abruzzo, Stefano Bucceroni.

“Con l’auspicio di suscitare una presa di coscienza della politica affinché una parte degli ingenti stanziamenti statali di questi giorni giunga alle famiglie, in particolare a quelle con figli, quelle che ‘pedalano’ per il futuro di tutti” continua Bucceroni. “Se non vogliamo ritrovarci con questa crisi una nazione senza figli e quindi senza futuro, è urgente che venga varato l’assegno universale di 250 euro al mese per figlio fino alla maggiore età, a prescindere dalla condizione lavorativa dei genitori. Una misura strutturale sulla quale poter contare nel tempo, che libera le famiglie dal peso burocratico delle istanze annuali per i vari bonus minimali oggi in essere. E a livello locale le tasse e i costi dei servizi pubblici vengano modulati in base ai carichi familiari, idem per le addizionali Irpef, ticket sanitario, eccetera”.

“Mettiamo risorse nelle tasche delle famiglie perché possano ripartire i consumi. Le Imprese non ripartono se manca la domanda. Ma che non siano linee di credito per far indebitare le famiglie, bensì liquidità immediata attraverso accreditamenti diretti” conclude Bucceroni.

Potrebbe piacerti anche