The news is by your side.

Le biblioteche d’Italia avranno nuovi libri, Franceschini finanzia 30 milioni di euro

Pescara. “Torno in ufficio da questo convegno e firmerò il decreto che rifinanzia per 30 milioni l’acquisto di libri da parte delle biblioteche. Questo non dipende totalmente da me, è fatto con i fondi di emergenza, ma vorrei lavorare perché questa misura diventasse strutturale nel bilancio dello Stato perché aiuta contemporaneamente le biblioteche, le librerie, gli autori, tutta la filiera in modo equilibrato. Abbiamo un grande lavoro da fare”.

Lo ha detto il ministro della Cultura Dario Franceschini che ha concluso oggi il convegno dei Librari Italiani di Ali Confommercio.

“Abbiamo fatto questo provvedimento – ha ricordato il ministro – che all’inizio trovava qualche dubbio, poi è stato preso come riferimento da altri Paesi europei”.

“Il fatto di finanziare l’acquisto di libri da parte delle biblioteche purché li comprassero almeno tre biblioteche del
territorio o della provincia o dell’area metropolitana, se non ci sono all’interno della singola Regione, ha ricreato
quella connessione acquisti biblioteche-librerie che ha portato a un aumento di vendita delle librerie” ha spiegato Franceschini.

 

Fondi a biblioteche, Aie: ‘efficace sostegno a lettura’

“Riservare anche nel 2021 fondi speciali alle biblioteche per gli acquisti nellelibrerie di prossimità è un modo efficace di promuovere la lettura in Italia sostenendo, allo stesso tempo, l’interomondo del libro”. Lo ha detto il presidente dell’Associazione Italiana Editori- Aie, Ricardo Franco Levi dopo l’annuncio del ministro della Cultura Dario Franceschini della firma di un rifinanziamento da 30 milioni per il 2021. “Grazie a questa misura e allo stanziamento di 220 milioni per la 18App, in modo che tutti i neomaggiorenni possano usufruire anche nel 2021 di un assegno di 500 euro per gli acquisti culturali, il Governo e il Parlamento proseguono sulla strada del sostegno alla domanda di libri nel nostro Paese” dice Levi. “Si tratta di una strategia efficace, che il resto d’Europa sta adottando sulla scorta di quanto già fatto qui da noi, e che tutto il mondo del libro – Aie insieme all’Associazione Italiana Bibliotecari – AIB e all’Associazione Librai Italiani – Ali – ha proposto e promosso fin da inizio 2020. Il nostro auspicio è che tali misure possano in futuro trovare stabilità all’interno della annunciata legge di sistema per l’editoria voluta dal Ministro Franceschini”, sottolinea Levi.

Potrebbe piacerti anche