The news is by your side.

M5s sul mercato di Piazza Muzii: “Il centrodestra sfratta gli artigiani per far posto a nuovi locali della movida” 

Pescara. “Dopo aver fatto attendere i legittimi assegnatari per quasi 10 anni, la giunta Masci al governo della città per il primo piano del Mercato di Piazza Muzii rinnega sé stessa e cancella le destinazioni artigianali previste, decidendo addirittura di implementare le attività del mercato con ristorazione e intrattenimento” così in una nota i rappresentanti pescaresi del M5s. “Questo è contenuto nella delibera approvata lo scorso 21 febbraio dalla giunta di quello stesso centrodestra che fino ad un paio di anni fa difendeva, a chiacchiere, i diritti acquisiti dei 23 artigiani assegnatari dei box, rimasti incastrati nel limbo delle indecisioni dell’allora assessore Cuzzi ed oggi sono messi alla porta proprio da chi quel bando, nel gennaio del 2010, lo aveva emanato”.

“Dopo i roboanti proclami dei rappresentanti della Lega cittadina” dichiara il consigliere M5S Giampiero Lettere “che in campagna elettorale vedevano i locali della zona di piazza Muzii destinati a chiudere allo scoccare della mezzanotte per eliminare i disturbi alla quiete dei residenti e contrastare le occupazioni selvagge di suolo pubblico da parte degli esercenti, oggi il centrodestra decide di ampliare il numero di ristoranti e di locali della movida, facendoli aprire proprio all’interno del mercato, con un giro di parole scritte in delibera degno del miglior Tognazzi in Amici miei: “struttura per attività commerciali di vendita, nel settore non alimentare, di alto profilo di immagine, implementate con servizi di ristorazione, ossia di somministrazione di alimenti e bevande”, quindi il non alimentare con alimentari e bevande, come se fosse Antani.”

Non passa inosservato al Movimento 5 Stelle, inoltre, che “il centrodestra ipotizza di affidare la gestione dell’intero primo piano del mercato ad un singolo operatore privato, addirittura dando mandato agli uffici di inserire l’intera struttura tra quelle che possono essere messe a disposizione di un gestore privato o persino vendute, il cosiddetto patrimonio disponibile dell’ente”.

“Dopo aver speso centinaia di migliaia di euro per la ristrutturazione dell’edificio ed aver fatto attendere piccoli artigiani locali per quasi 10 anni nella speranza di avere un posto in cui lavorare e con cui risollevare le sorti di un’area travagliata giornalmente da risse, schiamazzi, orinatoi a cielo aperto e addirittura da atti di violenza su minori, la giunta di centrodestra decide di privatizzare un mercato pubblico con l’idea di localizzare ulteriori locali serali, dedicati al food and beverage, nella zona di piazza Muzii, con la giustificazione del pubblico interesse. Su quali valutazioni del nuovo contesto si sono basati sindaco ed assessori per giustificare la retromarcia che hanno ingranato? Quali commercianti hanno ascoltato? I residenti già stremati da anni di movida incontrollata sono stati ascoltati? Le tanto declamate regolamentazioni di orari e strutture dehors che dovevano dettare regole certe ai commercianti dove sono?”  incalza la capogruppo M5s Erika Alessandrini.

“Masci e compagni hanno criticato per 5 anni le scelte del centrosinistra sulle aree della movida ed oggi fanno le stesse miopi scelte, gettando addirittura benzina sul fuoco, con l’apertura di nuove attività. Quando a governare le decisioni sono solo la propaganda ed il populismo non ci si può attendere altro. Cambiano i nomi ma la solfa è sempre la stessa” concludono i pentastellati.

Potrebbe piacerti anche