The news is by your side.

#Burian gela l'Abruzzo: temperature in picchiata, dopo l'emergenza neve si teme per le gelate notturne

L’Aquila. 100 tonnellate di sale, 40 operai del settore Opere pubbliche al lavoro dalle 3:30 del mattino, 15 mezzi spartineve e spargisale impegnati su oltre 3500 chilometri di strade comunali. Sono i numeri messi in campo dal Comune dell’Aquila per fronteggiare il maltempo e le precipitazioni nevose che dalle prime ore della giornata hanno colpito il territorio comunale. “Ringrazio le donne e gli uomini del Comune che per l’intera giornata hanno lavorato instancabilmente per strada e a presidio della sala operativa allestita negli uffici di via Nurzia – ha dichiarato il sindaco, Pierluigi Biondi – Un plauso anche ai volontari di Protezione civile che, sopratutto nelle frazioni, si sono adoperati per liberare le strade più impervie dagli accumuli nevosi e limitare al massimo i disagi per la popolazione. Considerato l’annunciato abbassamento delle temperature il vero pericolo nelle prossime ore sarà il ghiaccio e invito, pertanto, tutti i cittadini alla massima cautela negli spostamenti, limitandoli a quelli strettamente necessari”. L’attività didattica delle scuole rimarrà sospesa anche per la giornata di domani, mentre sono in arrivo ulteriori 100 tonnellate di sale che il Comune ha acquistato da un fornitore specializzato in Puglia. A causa dei disagi provocati dalla neve, la Poliservice fa sapere che il servizio di raccolta dei rifiuti potrebbe subire variazioni o sospensioni temporanee mentre in alcune zone potrebbe essere garantito a singhiozzo. Oltre alla difficile raggiungibilita’ delle utenze in alcune vie per i nostri mezzi meccanici di raccolta, c’e’ anche lo stop alla circolazione dei mezzi pesanti sulla rete autostradale. Poliservice, comunque, ha garantito il recupero del giorno del mancato ritiro della spazzatura gia’ domani, condizioni meteo permettendo. Vuol dire che, ad esempio, il secco che doveva essere raccolto questa mattina sara’ prelevato domani insieme all’umido e cosi’ via.
Oltre alla neve c’è un’altra emergenza da fronteggiare, quella del ghiaccio a causa delle rigide temperature che si prevedono nella notte.  “Il problema non è la neve, ma è il grande freddo. Siamo a meno sei e stanotte siamo stati a meno 12. Le strade sono transitabili perché è passato lo spazzaneve, anche se per noi i disagi sono rappresentati dalla chiusura per frana della provinciale numero 2”. Così il sindaco di Campotosto (L’Aquila) Luigi Cannavicci sui problemi creati dal maltempo nei territori alle prese con le conseguenze dei terremoti del 2009, del 2016 e del 2017. “A Campotosto paese ci sono 20 centimetri di neve, nell’aggregato della frazione Rio Fucino una cinquantina. La nostra preoccupazione è il pericolo ghiaccio per cui stiamo distribuendo sale sulle strade comunali, nel paese e nei moduli abitativi provvisori (Map). Certo, ci sono poche persone in giro, la gente è al caldo nelle case”. Cannavicci ricorda che è stata molto utile “la struttura polivalente donata dall’Associazione Nazionale Alpini dove ospitiamo il presidio 118, in funzione 12
ore al giorno, il medico e all’occorrenza il genio militare”.
Nella Prefettura di Pescara alle ore 18 si è tenuta la riunione dei rappresentanti degli Enti e degli Uffici componenti il Centro Coordinamento Soccorsi (CCS) per monitorare le ripercussioni sul territorio della provincia degli eventi nevosi in atto. E’ stata confermata, si legge in una nota, l’assenza di criticità. Sono assicurate: transitabilità su tutto il sistema viario extra urbano, continuità del trasporto pubblico, efficienza della rete elettrica provinciale. In considerazione di quanto comunicato dal Dipartimento della
Protezione Civile sull’estensione dell’allerta meteo per ulteriori 24/30 ore a decorrere dalle prime ore di domani 27 febbraio, permane il divieto di circolazione dei veicoli con massa superiore a 7,5 tonnellate, compreso il transito dei trasporti e veicoli eccezionali, sull’intero sistema viario extraurbano della Provincia di Pescara – incluso il sistema autostradale – fino a cessate esigenze, così come confermato nella pomeridiana riunione del Comitato operativo della viabilità di Pescara. Il CCS tornerà a riunirsi alle ore 18 al fine di monitorare gli sviluppi degli eventi atmosferici in atto. Nel corso dell’incontro è emersa, comunque, la necessità di invitare la
popolazione a ridurre i propri spostamenti a quelli strettamente necessari, tenuto conto delle preannunciate e forti riduzioni delle temperature che potranno causare formazioni di ghiaccio sulle arterie stradali.

Potrebbe piacerti anche