The news is by your side.

Maltrattata dal compagno davanti ai figli piccoli, i vicini chiamano la polizia: arrestato

Pescara. Nella giornata di ieri, la Polizia di Stato è intervenuta per prestare ausilio ad una giovane donna pescarese aggredita dal compagno convivente. La Squadra Volante è stata allertata da un vicino di casa che, avendo sentito le urla e le richieste di aiuto della donna e rumori di oggetti in frantumi provenire dall’ appartamento, ha subito telefonato al 113.

Sul posto gli agenti hanno bloccato l’aggressore mentre continuava ad urlare e minacciare la compagna
che presentava sul volto e sul collo, segni evidenti della violenza fisica appena subita. L’appartamento presentava una porta divelta e in casa vi erano i 2 figli minori della coppia che piangevano terrorizzati. La donna è stata prontamente soccorsa e trasportata al Pronto Soccorso dove è stata medicata per le contusioni multiple, lesioni al volto, collo, braccia e caviglie, con prognosi di 15 giorni salvo complicazioni.

La Squadra Volante ha ricostruito l’accaduto applicando il protocollo operativo previsto a sostegno delle vittime di violenza: infatti a seguito di una futile discussione, la vittima è stata aggredita e picchiata con calci, schiaffi,
pugni e morsi, alla presenza dei figli minori. Inoltre, gli operatori di polizia hanno appreso che l’uomo non era nuovo a condotte violente nei confronti della compagna. Infatti, in passato, la stessa aveva già subito lesioni personali per le quali aveva presentato querela, poi ritirata. Per questi motivi, l’uomo è stato arrestato e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che, dopo aver convalidato l’arresto, qualche minuto fa ha emesso la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento.

Potrebbe piacerti anche