The news is by your side.

Mariani replica al direttore di Confartigianato Chieti Giangiulli: il tema non è il Chocofestival ma l’assenza di programmazione

Chieti. “Ho letto, devo ammettere con stupore, la nota diramata dal direttore di Confartigianato Chieti Daniele Giangiulli.  Credo sia chiaro a tutti gli abruzzesi che l’intento della mia battaglia contro i finanziamenti a pioggia, licenziati dalla maggioranza regionale di centro-destra, non avesse come tema il choco festival di Chieti bensì un metodo, un modus operandi che continuo a ritenere sbagliato e carico solo di improvvisazione”.  Arriva puntuale la replica del capogrubbo di Abruzzo in comune all’Emiciclo, Sandro Mariani, alle argomentazioni del direttore di Confartigianato Chieti, Daniele Giangiulli, che aveva proprio preso spunto dalle argomentazioni dello stesso consigliere regionale volte ad opporsi ad alcune prassi dei procedimenti di finanziamento.

“Il tema, direttore Giangiulli, è l’assenza di una seria programmazione, è il voler procedere testa bassa a finanziamenti spot in base alla regola “del chi prima arriva”.  Il tema è che l’assegnazione dei finanziamenti dovrebbe passare attraverso dei bandi e quando si decide di ovviare a questi si dovrebbe avere la decenza di mettere in campo, almeno, una ripartizione equa sul territorio regionale tra tutte le associazioni e le organizzazioni che hanno avanzato richiesta.  Non posso non registrare che dei €90000 elargiti dal provvedimento che vede finanziato anche il choco Festival non un centesimo viene assegnato a Teramo. La mia battaglia politica –  conclude Mariani – è contro il pressapochismo di un centro destra allo sbando, prescinde e nulla toglie alla meritevole attività di Confartigianato che, come tante altre organizzazioni di settore, lavora quotidianamente sui nostri territori”.
Potrebbe piacerti anche