The news is by your side.

Mascherine con rincaro del 500%, avviato l’iter di sospensione per la parafarmacia di Pescara

Pescara. Avviato l’iter per la sospensione amministrativa, per motivi igienico sanitari e per quella da parte dell’Ordine dei farmacisti, nei confronti della parafarmacia di Pescara che ha venduto mascherine con un rincaro del 500%. Il tutto dopo la nuova ispezione eseguita dai Carabinieri del Nas del capoluogo adriatico. I militari per la tutela della salute hanno scoperto un magazzino dove venivano detenuti rifiuti sanitari speciali in modo pericoloso e non conforme per categorie non omogenee e in promiscuità con alimenti e medicinali in corso di validità; una situazione molto grave con accumuli che ha richiesto l’intervento congiunto stamane con i servizi Ian e Iesp del dipartimento di prevenzione per adozione di provvedimenti urgenti di sospensione.

I Nas hanno inoltre rilevato che i locali deposito erano in condizioni tali da renderli pericolosi anche per la sicurezza dei lavoratori stessi, a causa di rifiuti speciali accantonati non correttamente. Il caso è stato segnalato anche all’ordine dei farmacisti, che sta collaborando coi Nas per segnalare ogni caso anomalo, per l’adozione di ulteriori provvedimenti. In queste ore i Nas stanno eseguendo numerosi interventi e sopralluoghi in altre farmacie e parafarmacie, in strutture sanitarie pubbliche e private, in strutture sportive e in luoghi della distribuzione alimentare per verificare il rispetto della normativa sul Covid 19 in vigore. Resta operativo il numero telefonico 085/65961 del comando Nas di Pescara per ogni segnalazione, ma anche per richieste di chiarimenti.

Potrebbe piacerti anche