The news is by your side.

“No al cemento sulle aree verdi, giù le mani dal Parco Nord di Pescara”, la denuncia del Prc

Pescara. “Giù le mani dal Parco Nord di Pescara. Ancora una volta si prova a reintrodurre il cemento su aree vincolate a verde pubblico”. Lo afferma il Partito della Rifondazione comunista, che definisce come “una truffa” il Masterplan, perché “stravolge il piano regolatore per favorire privati”. La zona in questione è l’area verde che si trova nella zona Nord di Pescara, al confine con Montesilvano, tra la pineta e la strada parco. Il punto della situazione è stato fatto oggi nel corso di una conferenza stampa cui hanno preso parte il segretario nazionale del partito, Maurizio Acerbo, e quello provinciale, Corrado Di Sante.

“Quando fui eletto nel 1990 in consiglio comunale, cominciò l’esame del piano regolatore e
qui era prevista una fila di palazzi” spiega Acerbo. “Facemmo una battaglia durata anni finché nel 2003, con la variante, l’area fu vincolata a verde. I costruttori, proprietari dei terreni, fecero causa e persero sia al Tar che al consiglio di Stato. Il Comune stravinse. L’ente non è neanche tenuto a espropriare i terreni. I proprietari devono lasciarli aperti e puliti”.

“Abbiamo la percezione” affermano Acerbo e Di Sante “che il Masterplan sia stato architettato per
metterci dentro il cemento. Si inventano ‘diritti edificatori’ inesistenti e un ridicolo ‘atterraggio’ di volumi edificatori in area verde. E’ giusto lanciare l’allarme. Invitiamo cittadini e associazioni a mobilitarsi contro questo imbroglio e il sindaco Masci a verificare cosa combinano i suoi. Abbiamo presentato le nostre osservazioni al Masterplan, un’operazione inventata per coprire il tentativo di riproporre il solito accordo di programma già bocciato altre volte” concludono.

Potrebbe piacerti anche