The news is by your side.

Pescara, pannolini gratis per un mese alle famiglie in difficoltà

Pescara. Il Comune di Pescara distribuirà gratuitamente pannolini alle famiglie in difficoltà che ne hanno bisogno. I pannolini, comunica il Comune, saranno consegnati a domicilio dagli operatori di Protezione civile, che attingeranno dagli elenchi di nominativi stilati durante l’emergenza Coronavirus per l’erogazione di aiuti alimentari e per l’accesso ai servizi sociali gestiti dal Comune. Si tratta di quasi 50mila pannolini che saranno utilizzati per garantire un mese di fornitura a 301 neonati, rientranti nella cosiddetta fascia della prima infanzia.

“Questa azione è stata resa possibile grazie a un’interlocuzione con la Fater, che produce pannolini” spiega il sindaco di Pescara, Carlo Masci “e va a riempire uno spazio che non era stato preso in considerazione, cioè quello delle famiglie che hanno i figli piccoli e che meritano quindi tutta l’attenzione dell’amministrazione comunale. Quando parliamo di attenzione dobbiamo però anche concretizzare le nostre affermazioni, e oggi lo facciamo anche fornendo un mese di pannolini gratis ai bambini sotto una certa soglia di età”.

“È un altro tassello di vicinanza alla nostra comunità, che dopo la distribuzione delle mascherine, dei pacchi spesa e dei buoni-spesa ora avrà anche un supporto di un mese in cui molte famiglie con prole risparmieranno i costi, che non sono pochi, per l’acquisto di pannolini” continua il sindaco. “La consegna avverrà porta a porta grazie agli operatori della Protezione civile, che io definisco “i nostri angeli”. Le famiglie, che non abbiamo nemmeno avvertito, riceveranno quindi questo piccolo o grande contributo. Spero sia una sorpresa piacevole per loro”.

“Ringrazio gli assessori Eugenio Seccia, Nicoletta Di Nisio e Adelchi Sulpizio che in coordinamento con il dirigente di settore Marco Molisani stanno portando avanti questo programma di aiuti. La consegna porta a porta inizierà da mercoledì su elenchi di nominativi che gli uffici comunali hanno già verificato e analizzato” conclude il sindaco.

Potrebbe piacerti anche