The news is by your side.

Pescara senza fase 2: locali in protesta, la movida non riparte

Pescara. I locali serali di Pescara, città nota per la sua movida ‘frizzante’, decidono di non riaprire per protesta. Gli esercenti di piazza Muzii, via Cesare Battisti e corso Manthonè, le aree del divertimento pescarese, si dicono pronti a “questo costosissimo sforzo per poter tornare a operare in libertà e senza restrizioni”. All’origine della decisione ci sono in particolare gli orari ipotizzati dal Comune, con la chiusura prevista a mezzanotte durante la settimana e all’una nei weekend, e la mancata  ufficializzazione delle regole a cui attenersi, in particolare per quanto riguarda l’occupazione del suolo pubblico.

“In questo momento di così grande difficoltà – dicono gli esercenti – siamo pronti a un ulteriore e durissimo sforzo per tutelare un bene superiore e irrinunciabile: la salute. Abbiamo quindi deciso di mantenere i nostri esercizi chiusi alla somministrazione al pubblico. Vogliamo tornare a operare in sicurezza, vogliamo continuare a creare ricchezza per la nostra città, vogliamo continuare a far brillare Pescara. Lo faremo e per questo siamo pronti a questo costosissimo sforzo per poter  tornare a operare in libertà e senza restrizioni”.

Potrebbe piacerti anche