The news is by your side.

Progetto di riqualificazione delle aree a Pescara: previsti 500 posti auto in più

Pescara. L’aumento di 500 posti-auto rispetto all’idea originaria, attraverso un sistema integrato di gestione della sosta ad alto livello tecnologico; la realizzazione di un corridoio verde che sarà utilizzato per l’attraversamento dei mezzi di trasporto pubblico non inquinanti su cui si punta molto;
l’abbattimento – grazie all’ampliamento della quota finanziaria pubblica – delle tariffe per la sosta previste negli anni scorsi e la riduzione del periodo di durata della concessione all’impresa aggiudicataria della gestione della sosta: sono alcune elementi del nuovo progetto di riqualificazione delle aree di risulta presentato in una conferenza stampa dal sindaco di Pescara, Carlo Masci, affiancato da diversi componenti di Giunta e maggioranza. Domani la questione aree di risulta approderà anche in Consiglio Comunale.

La ridefinizione dei costi pubblici dell’intervento, che si punta ad aumentare di una somma compresa tra i 3,9 e i di 5,9 milioni di euro rispetto alla base originaria di 12 milioni (quindi fino a 17,9 milioni), ha proprio lo scopo di abbattere le tariffe e il periodo di durata della concessione. A questo fine la Regione ha dato disponibilità affinché venga rivisitato il Masterplan. “Comincia un percorso che ci dovrà portare in tempi brevi”, ha spiegato Masci, “ad un bando per avviare i lavori di riqualificazione delle aree di risulta attesi da oltre trent’anni e da quando la ferrovia è stata spostata e da vent’anni quando il Comune ha acquisito le aree. Iniziamo cosi questo percorso per far sì che da subito ci sia il parco più grande dopo quello della Riserva D’Avalos, che ci siano i parcheggi necessari per recarsi nel centro commerciale naturale e che ci sia un punto di intermodalità per quanto riguarda la mobilità della nostra città e della nostra regione tutti elementi essenziali che trasformeranno la nostra città perché questo spazio è il cuore di Pescara, il tesoro della città che dobbiamo valorizzare anche partendo da un’area verde importante che diventi un parco tematico con caratteristiche uniche
in Italia. Io mi auguro che tutta la riqualificazione possa essere realizzata e per questo dobbiamo partire con il bando entro fine anno. Poi ci vorranno circa tre anni e mezzo di lavori prima del taglio del nastro e per inaugurare la nuova area di risulta. Questo è un obiettivo strategico per la nostra amministrazione e lo è stato anche per le altre, e noi ci troviamo a dover giocare una partita importante e forse siamo in dirittura d’arrivo per vedere coronare il sogno che tutti i pescaresi aspettano ormai da troppi anni”.

Potrebbe piacerti anche