The news is by your side.

Quei favolosi anni ’80: grande successo di pubblico per la serata musicale ferragostana a Montesilvano. E Pappalardo manda a quel paese uno spettatore (fotogallery)

Montesilvano. Migliaia di persone hanno affollato, sin dalla prima serata di Ferragosto, il Teatro del Mare di Montesilvano: tutti lì per salire su una virtuale, ma reale, macchina del tempo e ripercorrere, con nostalgia e, forse, un pizzico di rimpianto, gli anni d’oro della musica italiana e straniera. Un viaggio nelle note che hanno risuonato negli anni ’80 e non solo: spazio anche per brani più vetusti e più recenti.

I love ’80

 

 

 

 

 

 

 

 

La serata è stata presentata da Beppe Convertini, reduce da “La vita in diretta”, e dalla nostrana Federica Peluffo. Apertura dello speciale concerto affidata al giovanissimo Riccardo Crisante, vincitore 15enne del talent locale “Io canto”, svoltosi, qualche giorno fa, in largo Venezuela.

I love ’80

È la volta, poi, di Luisa Corna, che ha proposto alcuni brani in versione acustica, con omaggi a Gino Paoli, Spandau Ballet e Whitney Houston.

I love ’80

Il palcoscenico viene galvanizzato dall’energia di Paolo Vallesi, tornato alla ribalta grazie al programma Rai condotto da Amadeus, “Ora o mai più”: momento magico, con le torce del telefonino accese, per l’intramontabile “Forza della vita”. Il cantante ha anche accennato alla possibilità di una sua partecipazione al prossimo Festival di Sanremo.

I love ’80

Tocca ad Adriano Pappalardo, che non ha tradito la sua indole mordace: senza peli sulla lingua, ne ha avute per tutti, anche per uno spettatore, autore di un commento poco carino nei suoi confronti, invitato, senza mezzi termini, ad andare a quel paese. Parole dure nei confronti della kermesse sanremese, “con direttori e staff che chiamano solo raccomandati”. Commosso l’omaggio all’amico e collega Lucio Battisti, anche se non proprio nelle sue…corde vocali. Immancabile il bis di “Ricominciamo”, con cui l’artista ha coinvolto anche la platea. 

I love ’80

Palcoscenico tutto per Silvia Mezzanotte, frontwoman, per tanti anni, dei Matia Bazar, con la solita, potente estensione vocale del falsetto: “Vacanze romane” e “Ti sento”, i suoi pezzi forti.

I love ’80

Dulcis in fundo più atteso da un pubblico che comprendeva diverse generazioni , il “figlio delle stelle” Alan Sorrenti, che ha scaldato i tantissimi presenti, in un vortice di ricordi senza tempo. Dj set affidato a Luca Di Carlo, con selezioni musicali proprio degne di…nota.

Serata riuscitissima anche per il sindaco Ottavio De Martinis: “Questa è la Montesilvano che vogliamo, non ho mai visto questa splendida piazza così piena”. (R. P.)

 

Potrebbe piacerti anche