The news is by your side.

Riparte chirurgia ospedale Chieti, degenti Covid ad Atessa

Chieti.”Riparte la chirurgia a Chieti: fino ad oggi si operavano da un mese solo le urgenze e i tumori non differibili, ma da domani ci sarà un lento ritorno alla normalità per i reparti chirurgici al SS. Annunziata di Chieti. Sarà possibile grazie al trasferimento al nosocomio di Atessa di una parte di degenti”, lo racconta Liberato Aceto, chirurgo in prima linea prestato ai reparti Covid 19 da quando i reparti chirurgici sono stati trasformati per accogliere gli affetti da coronavirus.

Inizierà domani il trasferimento dei degenti dal SS. Annunziata di Chieti ai reparti Covid dell’ospedale di Atessa dove arriveranno i pazienti meno critici, ossia quelli stabili clinicamente e in degenza di osservazione. “Attualmente a Chieti – tra i sospetti e gli accertati con tampone positivo – sono 160 i pazienti ricoverati per COVID-19. A questi si aggiungono 16 degenti nelle due unità di Terapia Intensiva. Penso che l’ospedale SS. Annunziata” di Chieti, sede peraltro di importanti e prestigiosi Reparti universitari, abbia dato tanto. Ora ben vengano”, spiega Liberato Aceto,” la decisione di costruire a Pescara, nella Palazzina ex Ivap, un ospedale COVID-19 per alleggerire il Santo Spirito, e ben venga la scelta di aprire un Ospedale COVID-19 ad Atessa con lo stesso intento”.

“Avendo vissuto in prima linea quest’esperienza”,conclude Aceto,”esprimo gratitudine ed apprezzamento per il lavoro dei colleghi Medici e per tutti gli operatori della Rianimazione, della Medicina Interna, della Pneumologia, delle Malattie Infettive e quelli dei reparti di Chirurgia che hanno dato la loro disponibilità a scendere in campo nella lotta al “Nemico Invisibile”.

Potrebbe piacerti anche