The news is by your side.

Risse e accoltellamenti a Pescara, Valeria Toppetti: “Il parco di piazza S. Caterina sia vigilato h24 o si chiuda”

Pescara. Ancora un intervento in materia di sicurezza da parte di Valeria Toppetti, candidata alle scorse Comunali di Pescara. Il commento riguarda l’episodio di cronaca degli scorsi giorni, avvenuto in piazza Santa Caterina, dove un giovane del Mali e un 46enne italiano si sono fronteggiati a colpi di coltelli e bottiglie. Una situazione che esaspera la gente perbene che abita a Pescara, stanca di assistere a fatti di sangue e spaventata dalle possibili conseguenze.

“Piazza S. Caterina da Siena è il punto nevralgico della confluenza delle differenti realtà culturali del nostro territorio urbano: l’integrazione è il valore più alto ma anche il più complesso da realizzare quando la base su cui si muovono i gruppi etnici è frammentata ed insicura. Il parco posto al centro della piazza deve essere bonificato e potrà rimanere aperto solo se vigilato h 24 da due vigili di quartiere, altrimenti, in mancanza, meglio chiuderlo.

Il parco, infatti, non è mai frequentato dalle famiglie del quartiere o dagli anziani, ma solo dagli spacciatori e da persone ubriache e pericolose. E’ una piazza divenuta luogo di aggregazione delle etnie che delinquono o che sono allo sbando: un presidio della sicurezza è indispensabile.

Non è possibile che in una città come Pescara, i residenti di Piazza S. Caterina da Siena, a due passi dal centro città, debbano vivere nella paura e sottomettersi al corpi fuoco, non più soltanto nelle ore ‘morte’ del primo pomeriggio e della sera, ma anche nelle ore diurne e pomeridiane.

Non è possibile affacciarsi alla finestra e assistere a scene di accoltellamenti, forse prevedibili, considerata la situazione di allarme ormai nota.

I residenti hanno timore di rientrare nei loro portoni, dove spesso incontrano queste persone pericolose che ivi si ricoverano, o che domandano soldi o, peggio, che minacciano aggressioni.

Oltre al presidio fisso dei vigili di quartiere, nel parco dovrà disporsi una ronda nella piazza da parte delle forze armate, periodica e ciclica durante le ore diurne e notturne, per dare a coloro che delinquono un messaggio: l’Amministrazione di Pescara è presente a tutela dei cittadini, basta alle violenze, allo spaccio e alla delinquenza”.

 

Potrebbe piacerti anche