The news is by your side.

Terme di Caramanico, il Pd e il gruppo “Uniti per Caramanico” attaccano la Regione: giunta pigra e apatica

Caramanico Terme. Il capogruppo del Partito Democratico nel Consiglio regionale, Silvio Paolucci, e il capogruppo consiliare di “Uniti per Caramanico”, Mario Mazzocca, denunciano lo “strano attendismo della Regione” nell’occuparsi del caso delle terme di Caramanico. “Dal Tavolo regionale di ieri, più che ‘passi avanti’ si registrano generiche dichiarazioni di intenti nel confermare il percorso da noi indicato e finanziato. E ci sono voluti 6 mesi” affermano Paolucci e Mazzocca.

“Regione-Terme di Caramanico, ovvero la montagna che non riesce a partorire neanche un topolino” commenta Mazzocca. “A questa Regione non sono bastati 65 giorni per sottoscrivere il contratto per le prestazioni termali tradizionali, anzi, sembra che l’abbiano deliberato ma con una durata di poco più di 4 mesi (non triennale come in passato); della sperimentazione in materia di riabilitazione in ambito termale (a costo zero per il Servizio Sanitario Regionale) e delle piscine termali, con fondi per 2,5 milioni di euro lasciati in eredità dalla giunta D’Alfonso-Lolli e da investire sul sistema termale di Caramanico, non v’è traccia. Così come non si hanno notizie del tavolo di crisi istituito presso il ministero dello Sviluppo Economico. Perché? Possibile sia questo l’interesse per Caramanico e il termalismo in Abruzzo? È questo l’interesse per i lavoratori e le aziende del territorio? O ci sono altre mire a noi sconosciute?”.

“Dalle notizie provenienti dal Tavolo regionale di ieri” continua Mazzocca “sembrerebbe che dei timidi vagiti siano finalmente usciti. Pare, infatti, che il percorso che questa Regione si avvierebbe (ancora troppo lentamente) ad intraprendere sarebbe quella del solco all’epoca tracciato (e finanziato!) dallo scorso Governo regionale. Nonostante il parere diametralmente opposto formulato dalla maggioranza di governo qualche giorno fa, allorquando in V Commissione, con la complice astensione del Movimento 5 Stelle, formulò un no chiaro e netto agli interventi istituzionali necessari per superare la crisi delle Terme di Caramanico e avviare una fase nuova con la valorizzazione del termalismo abruzzese. E ci sono voluti sei mesi! Vediamo quanti ce ne vorranno ancora per passare dalle parole ai fatti” conclude Mazzocca.

“Una figuraccia dopo l’altra, quelle di questa Regione sulla vicenda Terme di Caramanico” dichiara Paolucci. “Questa Giunta – lenta, pigra e apatica – ancora una volta si attarda a temporeggiare sui problemi di un’intera comunità non risolvendone alcuno. La smettano di litigare e concludano l’iter di una serie di interventi avviati dai governi D’Alfonso e Lolli a supporto del sistema termale Caramanico e che necessitano oggi di continuità amministrativa a salvaguardia di una delle eccellenze nei servizi sanitari e turistici della Regione Abruzzo. Agiscano, e in fretta, sul fondo di 900mila euro (Legge di Stabilità Regionale 2019) con cui la Regione di Lolli rifinanziò (dopo ben 11 anni!) la legge sul termalismo e sulla finalizzazione del milione di euro della giunta D’Alfonso (Delibera GRA n.626 del 27 ottobre 2017) per completare le piscine termali comunali. Dimostrino, una volta per tutte, che quel “Se vinciamo ci pensiamo noi alle terme” non era la solita promessa da marinaio da campagna elettorale. Lo devono agli operatori termali, ai lavoratori e le imprese dell’indotto, a quelle famiglie sempre più preoccupate per la situazione di stallo che hanno creato. Lo devono ad un’intera comunità territoriale” conclude Paolucci.

Potrebbe piacerti anche