The news is by your side.

1200 mascherine sequestrate a Pescara dall’inizio dell’emergenza. 7 le attività segnalate

Pescara. 12000 mascherine sono state sequestrate dai carabinieri del NAS di Pescara nel corso di numerosi controlli svolti in farmacie, parafarmacie, depositi e importatori presenti sull’intero territorio regionale, nell’ambito delle verifiche attinenti l’emergenza da Coronavirus.

In totale sono state segnalate all’autorità giudiziaria i titolari di 7 attività, fra le quali depositi, farmacie e parafarmacie, per un totale di 10 persone. Tre attività nel chietino, due nell’aquilano, una nel pescarese e nel teramano, sono responsabili di aver immesso sul mercato dispositivi di protezione individuale non conformi ai requisiti di sicurezza, mascherine facciali filtranti generiche presentate come dispositivi di protezione e mascherine facciali commercializzate come dpi, sebbene l’iter autorizzativo presso l’INAIL non fosse ancora concluso.

Al vaglio degli inquirenti sia le informazioni fornite al consumatore, sia le caratteristiche dei manufatti: dai singoli rivenditori, gli accertamenti, a ritroso, sono stati ampliati anche a grossisti e importatori siti in altre regioni italiane. Sono state prese in esame mascherine chirurgiche, tecnicamente dispositivi medici, mascherine rientranti nell’ambito dei dispositivi di protezione individuale, divenute note per la sigla ffp2 o kn95 e mascherine filtranti per la collettività. I NAS hanno passato al setaccio non solo la documentazione commerciale e di vendita, ma anche e sopratutto l’esistenza delle autorizzazioni alla produzione e commercializzazione, per le procedure in deroga, che avrebbero dovuto rilasciare Istituto Superiore di Sanità, per i dispositivi medici e INAIL, per i dpi.

Tra gli input investigativi i NAS annoverano le segnalazioni pervenute al centralino del Nucleo di Pescara, la captazione di notizie sulle fonti aperte del web, sulle pagine social delle attività commerciali, oltre che sull’osmosi informativa tra i vari NAS del Paese.
Altre 5 persone, invece, sono state segnalate alle Camere di Commercio territorialmente competenti, per l’assenza di informazioni in lingua italiana, come imposto dal Codice del Consumo, sui prodotti in vendita. Nei confronti dei trasgressori sono state elevate sanzioni per diverse migliaia di euro.
Le indagini sono tutt’ora in corso e vertono su alcune certificazioni di “compliance” esibite durante i controlli e diverse marcature CE, di dubbia fattura, apposte sui dispositivi oggetto di sequestro.

Potrebbe piacerti anche