The news is by your side.

Coronavirus, Abruzzo verso zona gialla con Campania e Sicilia. Chiesta modifica parametri per evitarlo

L’Aquila. Crescono i casi di coronavirus in Italia e avanza la variante Delta. L’Abruzzo, insieme Campania, Marche e Sicilia, secondo gli ultimi dati, va verso la zona gialla.

tualmente fra i parametri sotto la lente del ministero della Salute e del Cts c’è l’incidenza del nuovo coronavirus ogni 100mila abitanti: se superano i 50 casi si passa in zona gialla. Scatta l’allarme con un combinato di contagi (Rt), superamento del 40% del tasso di occupazione delle aree mediche e del 30% quello delle terapie intensive.

Le regioni con i dati più elevati sono Sicilia e Abruzzo. Dai dati contenuti nelle schede delle singole regioni e province autonome emerge che l’incidenza più elevata si registra in Sicilia con 16.75 (in aumento rispetto alla rilevazione del precedente report quando era a 15.37) e in Abruzzo con 15.33 (in salita rispetto alla rilevazione precedente quando era a 11.36).

Seguono la Campania a 12.89, in salita rispetto al 9.86 del precedente report e le Marche con 11.09, in netta crescita rispetto al 4.66 del report precedente. Sono queste le regioni che superano i 10 casi ogni 100mila abitanti.

“Al momento non vedo, con i numeri attuali, la necessità di un ritorno di alcune regioni in zona gialla”, ha detto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di “24 Mattina” su Radio24, “a oggi non c’è questo rischio, ma vediamo cosa accade nelle prossime settimane. Abbiamo numeri bassi e non vedo al momento neanche il ritorno di restrizioni”.

Potrebbe piacerti anche