The news is by your side.

Il Tar risponde ad Abruzzobnb: sospesa delibera regionale 307 che riguardava la colazione nei bed and breakfast

Pescara. L’associazione Abruzzobnb ha ottenuto dal Tar Abruzzo il decreto di sospensiva dell’efficacia della delibera di giunta regionale 307/19 che introduceva, al 31 ottobre prossimo, una serie di procedure e adempimenti per i B&B.

“La sospensiva” scrive l’associazione in una nota “permetterà un approfondimento in merito a richieste e dubbi sollevati sulla legittimità di quanto contenuto nella DGR 307/19. Si tratta di un atto provvisorio che verrà discusso il 20 novembre tra le parti. Confermiamo comunque la nostra disponibilità a un confronto con le istituzioni regionali”.

“Il provvedimento di sospensione temporanea della Dgr 307” replica l’assessore regionale al Turismo, Mauro Febbo “è un decreto monocratico pronunciato ‘inaudita altera parte’. La pubblica amministrazione interverrà in maniera puntuale, dettagliata e documentale nella camera di consiglio del 20 novembre, quando si deciderà sulla concessione di misure cautelari collegiali e dove presenteremo le nostre ragioni. Con la delibera 307 del 3 giugno 2019” sottolinea Febbo “abbiamo prodotto semplificazioni e definito indirizzi per la somministrazione della prima colazione nei Bed and Breakfast, permettendo alle attività di adeguarsi entro il 31 ottobre. Provvedimento condiviso dalla stragrande maggioranza dei titolari sia tramite le organizzazioni sia in due affollatissime assemblee pubbliche. Gli uffici del competente dipartimento, insieme all’avvocatura regionale, hanno già approntato la difesa dell’ente pubblico e il 20 novembre sono convinto che prevarranno le nostre ragioni e la bontà del provvedimento”.

Con la Dgr 307, ricorda l’assessore, sono state introdotte “agevolazioni in favore dei B&B che offrono la colazione in esercizi esterni attraverso un voucher. I B&B sono esentati dagli obblighi di presentazione della Nias (Notifica Inizio Attività Settore Alimentare) e dal conseguimento dell’attestato di formazione sulle corrette prassi di sicurezza alimentare, ma devono effettuare comunicazione al Suap del comune. È stato predisposto un disciplinare con indicazioni utili alla redazione del documento di autocontrollo semplificato al massimo e di un format da utilizzare.

Inoltre, sono state fornite precisazioni con riferimento all’attestato di formazione richiesto, atteso che il possesso di specifici titoli di studio esonera dalla frequenza di detti corsi, corso di sole 4 ore”.

Potrebbe piacerti anche