The news is by your side.

La denuncia: “Distribuite mascherine difettose ai lavoratori della Polizia Penitenziaria abruzzese”

Pescara. “La Uilpa polizia penitenziaria Abruzzo denuncia il grave quanto preoccupante disguido emerso in alcuni istituti abruzzesi, che avrebbe portato a continuare nella distribuzione di lotti di mascherine ritenuti “pericolosi” e sottoposti a sequestro nella recente indagine della procura di Gorizia che ha portato al sequestro di 60 milioni di mascherine lo scorso mese di marzo – notizia ed elenchi diffusi dalle principali testate giornalistiche nazionali”.

Lo si legge in una nota inviata alla stampa che continua:

“Purtroppo abbiamo potuto verificare direttamente che in alcuni istituti sono tutt’ora in distribuzione alcuni lotti presenti in quegli elenchi, è chiaro – prosegue il Segretario Regionale UILPA Polizia Penitenziaria Abruzzo Di Giovanni Ruggero – e non è imputabile all’Amministrazione Penitenziaria alcuna svista in fase di approvvigionamento, ma una volta che ne è stato disposto il sequestro e diffuso l’elenco dei lotti e dei marchi ritenuti “pericolosi” o comunque difettosi, quindi inidonee al loro scopo, ne andava immediatamente impedito l’utilizzo.

Per questo motivo – aggiunge Di Giovanni – abbiamo chiesto a tutte le direzioni abruzzesi ed al Dott. Cantone, Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria, di approfondire la problematica disponendo un’attenta verifica dei lotti attualmente in distribuzione.

Infatti – prosegue il sindacalista – i Direttori nella loro funzione di datori di lavoro sono direttamente responsabili della salute dei lavoratori e sono tenuti a fornire i D.P.I. idonei e necessari allo svolgimento in sicurezza del servizio; servizio che, giova ricordarlo, la Polizia Penitenziaria effettua anche nelle sezioni occupate da detenuti risultati positivi al covid 19.

Auspichiamo che la criticità segnalata – conclude il Segretario Regionale UILPA PP–  venga affrontata con la giusta celerità nell’assoluto interesse della salute dei lavoratori e della corretta gestione del “sistema carcere””.

Potrebbe piacerti anche