The news is by your side.

Prorogati termini per la documentazione della ricognizione dei danni subiti dal maltempo, ecco le info

Pescara. Prorogati a venerdì 26 luglio dal Comune di Pescara i termini per presentare la documentazione nell’ambito della procedura per la prima ricognizione dei danni subiti dal patrimonio pubblico, da privati, attività economiche e produttive in seguito all’ondata eccezionale di maltempo di mercoledì 10 luglio. La procedura di segnalazione e risarcimento riguarda anche i danni subiti da automobili e veicoli. L’avviso, la cui scadenza iniziale era fissata al 20 luglio, e i relativi moduli da compilare sono disponibili sul sito web del Comune dei Pescara e all’Urp. La documentazione va consegnata entro le ore 12 del 26 luglio prossimo.

“Nell’incertezza della tempistica degli organi sovraordinati”, si legge nell’avviso, “i danni devono essere documentati anche mediante materiale fotografico, preventivi di spesa, fatture e altro. In questa fase, meramente ricognitiva, non è richiesta alcuna perizia tecnica giurata. I ripristini e i necessari lavori edilizi di manutenzione ordinaria potranno comunque essere avviati fin da subito, in modo autonomo e a proprie spese. Per quanto concerne i soli lavori di manutenzione straordinaria sarà comunque necessario procedere alla presentazione di apposta Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (Cila)”.

Le domande, complete della documentazione richiesta, dovranno essere presentate presso lo sportello del Protocollo Generale del Comune in piazza Italia 1 (orari: 9:00-13:00 tutti i giorni e pomeriggio mar. e giov. 15:00-17:00) o tramite invio con posta elettronica certificata (pec: protocollo@pec.comune.pescara.it), entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 26 luglio 2019 (salvo proroga). Le schede pervenute oltre i termini di scadenza saranno prese in carico con riserva. “Molti cittadini”, scrive su Facebook il sindaco, Carlo Masci, “mi hanno chiesto di posticipare la data ultima per le richieste di risarcimento danni relativi alla grandinata e al nubifragio della settimana scorsa. Ho provveduto, pertanto, a fissare la nuova data al 26 luglio”.

Potrebbe piacerti anche